A- A+
Culture
Festival dei saperi, le donne protagoniste

 Il programma del “Festival delle donne e dei saperi di genere. Nel segno delle differenze

Dal 12 marzo al 3 aprile, la città di Bari torna a riflettere sui “femminismi” e sulla riscoperta del valore della "differenza", con il “Festival delle donne e dei saperi di genere”.
Organizzato dal Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere dell’Università degli Studi di Bari, il festival prevede cinque seminari sui temi dell’identità di genere, della violenza e della complessità dei rapporti, arricchiti da un ciclo di mostre, proiezioni di film e dallo spettacolo teatrale “La seconda stanza” della regista Maria Filograsso. Il tutto, alla presenza di ospiti provenienti dalle più importanti università italiane, oltre che scrittori, psicanalisti e rappresentanti di associazioni locali.
 
“Il nostro è l’unico festival in Italia ad affrontare questi temi anche attraverso l’arte, il cinema e il teatro. Per questo intendiamo restare qui, nonostante finanziamenti pressoché inesistenti”, ha spiegato la responsabile dell’organizzazione prof.ssa Recchia Luciani nella conferenza stampa di presentazione del programma, a cui ha preso parte anche la prof.ssa Rosa Gallelli (coordinatrice del comitato scientifico-organizzativo) e le rappresentanti di alcune tra le istituzioni e associazioni locali che hanno collaborato al festival.
Vale a dire il Centro Studi dell’Apulia Film Commission, dei Cineporti di Puglia e della Mediateca pugliese, l’Accademia delle Belle Arti, Arcilesbica- Mediterranea Bari e Link studenti.
 
Dunque, il  primo appuntamento è mercoledì 12 marzo, alle ore 16,30, presso l’Ex Palazzo delle Poste (P.za Cesare Battisti) per il seminario “Femminismi e questioni di genere”.
 
Introdurranno le docenti Francesca R. Recchia Luciani e Rosa Gallelli (Centro Interdipartimentale Studi  Cultura di Genere UniBA), con i saluti del Magnifico Rettore Antonio F. Uricchio dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro” e gli interventi di Valeria Stabile (Arcilesbica Mediterranea Bari) e Sara Acquaviva (Link studenti).
Parteciperanno all’incontro Maria Luisa Boccia dell’Università la Sapienza di Roma, la scrittrice e saggista Paola Guazzo e Natascia Mattucci dell’Università di Macerata.
 

 

di  Federica Caniglia

Torna a Bari dal 12 marzo al 3 aprile il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere: Nel segno delle “Differenze”, organizzato dal Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, con la collaborazione dell’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e con il patrocinio del Comune di Bari. Un’iniziativa oramai consolidata che quest’anno giunge alla terza edizione, differenziandosi dalle procedenti, dedicate ai saperi e alle pratiche delle donne, nel segno di Ipazia e di Carla Lonzi, confermando così il prestigioso valore culturale, attestato anche dai numerosi ed eccellenti partner che lo sostengono ossia, l’Accademia di Belle Arti di Bari, la Mediateca Regionale Pugliese, il Centro Studi Apulia Film Commission, l’associazione Arcilesbica Mediterranea Bari, il Nuovo Teatro Abeliano, il coordinamento studenti Link, il Torino GLBT Film Festival, e le associazioni Punti Cospicui e Oggetti Smarriti.

L’ideazione e la progettazione di questa edizione sono affidate alla filosofa Francesca R. Recchia Luciani, docente di Filosofie Contemporanee e Saperi di Genere dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e da un esperto e qualificato comitato scientifico composto per lo più da docenti afferenti al Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere dell’Università barese e diretto dalla professoressa Rosa Gallelli.

Nel rispetto della tradizione, anche quest’anno la programmazione si contraddistingue nella varietà e trasversalità degli eventi, con incontri a tema, mostre, spettacoli e proiezioni cinematografiche che pongono l’attenzione sulla continuità dei saperi di genere col femminismo e i suoi sviluppi teorici. “Il femminismo - spiega la filosofa e ideatrice del festival Francesca R. Recchia Luciani - contrariamente a quanto si è pensato negli ultimi anni, non solo è vivo e vegeto, ma è anche una grande necessità per le donne e per la loro affermazione sociale e politica. Il femminismo ha una storia gloriosa, che si è tentato per tanto tempo di scardinare, o quanto meno di rimuovere. Eppure sono state le femministe a scoprire la differenza, la radicalità della questione dell'identità che poi è divenuta un’istanza di tanti gruppi che chiedono di vedere riconosciute le proprie differenze identitarie. Questo è il tratto forte che interconnette l'intuizione rivoluzionaria del femminismo con una sempre più ampia e diversificata consapevolezza di genere tanto delle donne quanto delle comunità GLBT e queer”.

Per queste ragioni i temi che saranno sviluppati nel corso degli incontri bisettimanali con illustri studiosi ed esperti del settore provenienti dalle più importanti università italiane tra cui, Maria Luisa Boccia, Lea Melandri, Franco Rella, Paola Guazzo, Natascia Mattucci, Simona Marino, Cristiano Maria Bellei, Stefano Ciccone, Christian Raimo, Mary Nicotra, riguarderanno differenti aspetti della questione di genere e delle sue relative problematiche nel processo di costruzione e di riconoscimento sociale dell’identità, come per esempio gli incontri a tema: “Dal femminismo alle “questioni di genere”, “Corpo e identità”, “Violenza de-genere”, “Relazioni messe a nudo” e “I femminismi delle altre: le donne e l’Islam”. In questa prospettiva si collocano gli eventi artistici in programma che prevedono la proiezione del film di Silvia Novelli, Re(l)azioni a catena in collaborazione con il Torino GLBT Film Festival presso il Cineporto di Bari, l’omaggio al regista e sceneggiatore Derek Jarman, nel XX anniversario dalla sua scomparsa con la proiezione  presso la Mediateca Regionale Pugliese di Bari di alcune delle sue più celebri pellicole: Sebastiane, Jubilee e Glitterbug, lo spettacolo teatrale La seconda stanza e una sezione dedicata all’arte contemporanea  curata dai docenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari, Mimmo Attademo e Maria Vinella.

Nella società di oggi, le “differenze” di genere sono al centro di una lotta estenuante per l’affermazione sociale, politica e culturale, sintomo di una comunità civile ancora impreparata che  rifiuta e condanna ciò che è diverso. Il festival, unico nel suo genere in Italia, rappresenta un tentativo teorico-pratico di porre  le basi fondamentali per  una corretta e buona prassi di comprensione e inclusione delle differenze. Come sottolinea ancora Francesca R. Recchia Luciani: “Occorrerebbe includere positivamente le differenze nelle nostre pratiche, ma ciò può avvenire soltanto attraverso una profonda trasformazione culturale. Quindi per arrivare alla prassi occorre passare dalle teorie, e questo è l'obiettivo della sezione "incontri" del nostro festival.  Occorre una rivoluzione dei punti di vista, un'apertura che consideri la dimensione sessuata dei soggetti come una dimensione essenziale alla costituzione della loro identità. Le buone pratiche relative al rispetto delle differenze di genere non possono precludere da una presa d'atto della pluralità differenziata delle possibili identità sessuali, e della loro pari dignità, sul terreno culturale, politico e sociale.”  

In attesa della giornata inaugurale che si terrà mercoledì 12 marzo presso l’ex Palazzo delle Poste alle ore 16:30 con la professoressa Maria Luisa Boccia dell’Università di Roma “La Sapienza”, la scrittrice e saggista, Paola Guazzo e con la docente dell’Università di Macerata Natascia Mattucci, che dialogheranno sul tema “Femminismi e questioni di genere”,  vi proponiamo il trailer del festival della geniale artista barese Nole Biz:

 

                                                                                                           

IL PROGRAMMA COMPLETO

 

Mercoledì 12 MARZO

Ore 16.30

Ex PalaPoste (Sala A), P.za C. Battisti    

 

Introducono Francesca R. Recchia Luciani e Rosa Gallelli

(Centro Interdipartimentale Studi Cultura di Genere UniBA “A. Moro”)

Saluti del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Bari “A. Moro” Antonio F. Uricchio

Intervengono Valeria Stabile (Arcilesbica Mediterranea Bari) e Sara Acquaviva (Link)

 

FEMMINISMI E QUESTIONI DI GENERE 

Maria Luisa Boccia (UniRoma “Sapienza”), Paola Guazzo (scrittrice e saggista) e Natascia Mattucci (UniMC)

 

 

GLI INCONTRI

Ex PalaPoste (Sala A), P.za C. Battisti    

 

Martedì 18 MARZO

Ore 16.30         

 

CORPI E IDENTITÀ     

Lea Melandri (Libera Università delle Donne Milano) e Franco Rella (IUAV Venezia)

dialogano con Francesca R. Recchia Luciani e Francesco Paolo de Ceglia (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”)

 

 

Mercoledì 26 MARZO

Ore 16.30         

 

VIOLENZA DE-GENERE 

 

Cristiano Maria Bellei (UniUrb), Stefano Ciccone (presidente MaschilePlurale, UniRoma “Tor Vergata”) e Christian Raimo (scrittore)

 

 

Martedì 1 APRILE

Sala Stifano - Palazzo Ateneo

Ore 16.30         

 

RELAZIONI MESSE A NUDO   

Simona Marino (Assessora Pari Opportunità Comune di Napoli, UniNA), Mary Nicotra (psicoanalista) e Anna De Vanna (responsabile Centro Antiviolenza “La luna nel pozzo”- Assessorato al Welfare Comune di Bari)

 

 

Giovedì 3 APRILE

Ore 16.30         

 

I FEMMINISMI DELLE ALTRE: DIFFERENZE, INTERCULTURA, FORMAZIONE

Introduce Rosa Gallelli (C.I.S. Cultura di Genere UniBa “A. Moro”)

Anna Vanzan (UniMi), Franca Pinto Minerva (UniFG), Angela Volpicella (C.I.S. Cultura di Genere UniBa “A. Moro”)

 

 

MOSTRE 

SPETTACOLI 

PROIEZIONI

 

Lunedì 17 marzo

ore 18.00

Mediateca Regionale Pugliese, via Zanardelli 30

 

GENERIMMAGINATI

 

Inaugurazione mostra permanente manifesti a tema + video installazione (immagini di repertorio provenienti dal fondo audiovisivo Oggetti Smarriti) (fino al 3 aprile 2014)

con Francesca R. Recchia Luciani (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”), Annalisa Colucci (responsabile progetto Oggetti Smarriti), Angelo Amoroso D'Aragona (coordinatore Mediateca Regionale Pugliese), Nole Biz (artista) e Valeria Stabile (Arcilesbica Mediterranea Bari)

 

Altri immaginari

 

Difficult love di Zanele Muholi (doc. 2010), 48 min.

Senza velo del Collettivo Flowing (doc. 2013), 17 min.

 

 

Giovedì 20 marzo

ore 20.30

Cineporti di Puglia/Bari, Fiera del Levante (Pad. 180), Lungomare Starita 1

 

Altri immaginari

 

Re(l)azioni a catena di Silvia Novelli (film), 78 min.

 

Con la regista, Giovanni Minerba (direttore Torino GLBT Film Festival), Antonella Gaeta (Presidente Apulia Film Commission), GiancarloVisitilli (critico cinematografico) e Francesca R. Recchia Luciani (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”)

 

Con la collaborazione del Torino GLBT Film Festival

 

 

Lunedì 24 marzo

ore 18.00

Mediateca Regionale Pugliese, via Zanardelli 30

 

Altri immaginari

 

La captive di Chantal Akerman (film 2000), 108 min.

 

Introducono Ida Porfido (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”) e Angelo Amoroso D'Aragona (coordinatore Mediateca Regionale Pugliese)

 

 

Martedì 25 marzo

Ex PalaPoste (Sala A), P.za C. Battisti

 

ore 19.00

TVTTB XOXO

mostra fotografica a cura di Mimmo Attademo e Maria Vinella (Accademia Belle Arti Bari)

 

Introduce Pasqua Colafrancesco (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”) interviene Giuseppe Sylos Labini (Direttore Accademia Belle Arti)

(25 marzo-3 aprile nel Foyer del Nuovo Teatro Abeliano)

 

ore 20.30

La Seconda Stanza spettacolo teatrale

regia di Maria Filograsso, con Adriana Gallo

drammaturgia di Teodora Mastrototaro

musiche originali e video di Daniele Vergni

 

Introducono Pasqua Colafrancesco (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”) e Clarissa Veronico (Punti Cospicui)

 

 

Lunedì 31 marzo

ore 18, presso Mediateca Regionale Pugliese, via Zanardelli 30

 

Altri immaginari

 

Nel XX anniversario della morte OMAGGIO A DEREK JARMAN

 

ore 11.00

I diavoli di Ken Russell (1971), 111 min.

ore 14.30

Sebastiane di Derek Jarman  (1976), 86 min.

ore 16.00

Jubilee di Derek Jarman (1978), 106 min.

 

Introducono Julia Ponzio (C.I.S. Cultura di Genere UniBA “A. Moro”) e Angelo Amoroso D'Aragona (coordinatore Mediateca Regionale Pugliese)

 

ore 18.00

Glitterbug di Derek Jarman (1994), 60 min.

Tags:
festival delle donne
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.