A- A+
Culture

FABIO MAURI
PIC NIC O IL BUON SOLDATO

Galleria Michela Rizzo
Giudecca 800q
(fermata vaporetto Palanca) - Venezia
22 settembre – 30 novembre 2013
Ingresso gratuito
Orario di apertura: mar-sab dalle 11.00 alle 18.00
Chiusura domenica, lunedì e festività.
www.galleriamichelarizzo.net

FabioMauri

 

Dal 23 settembre al 30 novembre 2013 la Galleria Michela Rizzo, situata nell'ex Birrificio dell'isola di Giudecca a Venezia, ospiterà l'opera di Fabio Mauri: Picnic o Il buon soldato. Le sale che accolgono l'artista, già presente nello stesso periodo nel padiglione Italia della 55ma edizione della Biennale Arte Visive, sono parte di un ex edificio industriale, luogo ideale per il lavoro di Fabio Mauri cui sono congeniali ampi spazi e alti soffitti. Nel 2009 la Galleria Michela Rizzo aveva presentato la mostra " Fabio Mauri etc " ideata dall'artista stesso poco prima della sua scomparsa.

Picnic o Il buon soldato sarà l'occasione per cogliere alcuni nodi tematici della complessa ricerca di Fabio Mauri proseguendo quel dialogo che la Galleria aveva iniziato sin dal primo incontro. Si tratta di una mostra strutturata su due livelli: movimento e azione/stasi e contemplazione. La performance e le opere ideate da Fabio Mauri sul tema della guerra e della pace come involontaria attesa, sono realizzate utilizzando reperti originali e di uso comune del periodo bellico.

E’ un’attesa che ha in sé qualcosa di vitale, senza tristezza ma che non riesce a evitare la violenza crudele e irriguardosa del conflitto. L’esposizione è una parafrasi della vita. La natura diviene natura morta, essiccata da una morte reale che prevale su tutto.

E come scrive lo stesso Mauri nel suo testo del 1998 Il piano superiore è segreto
“…disinteressato alle materie prime, prive d’uomo, ho fatto dipingere il ferro. Ne è sorto un paesaggio notturno, d’acqua, con alberi e orizzonti. Una fotografia fatta ferro. La casa e la guerra sono emersi quali poli antagonisti
Quanto allo stile, la combinazione delle forme dell’uomo è la mia attitudine, non da oggi. L’ho detto tempo fa: la pittura per me è un collage. Persino un acquerello. Un collage di materie e pensiero lo è di certo.
Entrambi condividono la vita come materia e l’inclinazione simbolica della mente.
Il pensiero non opera che per forme. Si precisa per forme chiuse. Come gli oggetti”.

Nella performance il dolce della vita e l’amaro della morte si intrecciano, si depositano sulle cose. Come in un unico lungo fotogramma preso da un film di guerra, una ragazza, alla presenza di un giovane soldato, un ‘marmittone’, distribuisce ai presenti un brodo caldo, mentre sul dorso di una giovane donna viene proiettato il film La ballata di un soldato di Grigorji Chukhraj.

In mostra sarà presente anche l’opera Mia cugina Marcella e la guerra civile, esposta per la prima volta nel 1999 alla Fondancion La Caixa di Barcellona. E’ la memoria della guerra in un intermezzo di pace, alla fine del secolo. Dolcezza e violenza scorrono parallele, follemente, senza temersi, rendendo astrusa la guerra e irrinunciabile la vita.

 

Tags:
fabio mauripicnic o il buon soldato
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.