Cacciari ad Affari: "Stavolta Brunetta ha davvero delirato"

"La colpa è del provincialismo dei radical chic che governano la città". Il ministro della Funzione Pubblica parla dei problemi di Venezia: "La Biennale stenta e la Mostra del Cinema è diventata la sorella povera di Cannes e Berlino". Anche il presidente della regione Veneto Giancarlo Galan dice la sua: "La città è sporca, ed è piena di pantegane e gabbiani". E Cacciari risponde alle accuse attraverso Affaritaliani.it: "Quella di Brunetta e Galan è solo campagna elettorale. Il primo ha delirato, il secondo mi fa ridere"

Lunedì, 27 luglio 2009 - 11:51:00

Massimo Cacciari
Massimo Cacciari
Il sindaco di Venezia Massimo Cacciari risponde attraverso Affaritaliani.it agli attacchi del ministro Renato Brunetta e del presidente della regione Veneto Giancarlo Galan. Il primo se l'è presa con la politica culturale dell'amministrazione-Cacciari, il secondo con la sporcizia che 'regnerebbe' sulla città lagunare. Così il sindaco ad Affari: "Quella di Brunetta e Galan è solo campagna elettorale, che in Italia purtroppo non  finisce mai. Provo ad andare nello specifico delle accuse. Come fa Brunetta a dire che la Mostra del Cinema è in crisi? E soprattutto, cosa ne sa Brunetta di cinema?". E aggiunge: "Il ministro della Funzione Pubblica stavolta ha davvero delirato. Non capisco per quale motivo abbia detto che Venezia è diventata la città dei giocatori d'azzardo. Ma non lo sa che qui il Casinò c'è sempre stato, fortunatamente?". Massimo Cacciari risponde poi anche a Giancarlo Galan: "Ha detto che a Venezia sono aumentati i gabbiani. Cosa devo rispondere? Mi viene soltanto da ridere". Infine, il sindaco-filosofo se la prende con l'immagine che alcuni media italiani danno della sua città: "Si tratta di stampa sub-provinciale. Basterebbe che questi giornalisti leggessero cosa si scrive di Venezia in Giappone o negli Stati Uniti. All'estero tutti parlano benissimo di noi".

COS'HA DETTO BRUNETTA - "La Venezia di Cacciari" sotto attacco. Renato Brunetta, ministro della Funzione Pubblica, al Corsera dichiara: "Venezia oggi è la città dei magnati e dei centri sociali. Degli archistar e della chimica vecchia e velenosa. Dei tycoon e dei giocatori del casinò. Una città mercificata e svenduta da una classe dirigente che ha alzato bandiera bianca su Palazzo Grassi e sulla Punta della Dogana, rinunciando a qualsiasi progettualità per il futuro, inalberando enormi cartelloni pubblicitari che non hanno uguali al mondo per volgarità". 

brunetta420
Renato Brunetta
"VENEZIA IN SVENDITA" - Sempre a proposito di Venezia, Brunetta parla di "mercificazione e svendita della città, frutto di radicalismo chic di sinistra e di provincialismo". Il ministro attacca direttamente la classe dirigente della città: "Il centrosinistra che governa Venezia da quasi vent'anni, con il marchio di Massimo Cacciari, rapprenta una classe dirigente in fuga, come l'aristocrazia veneziana che si arrese a Napoleone senza sparare un colpo. Se si confronta la Venezia di oggi con quella dei primi anni '90 si vede che il degrado è continuato, e le poche cose buone, come il Mose, sono avvenute contro la volontà di questa classe dirigente. prevalsa una cultura ideologica, clientelare, passiva, assistenzialistica".

"LA BIENNALE STENTA" - "La Biennale, pur nell'intelligenza di tanti presidenti, vive una vita difficile e stentata, laddove potrebbe essere un enorme polo di attrazione, se non fosse il fiore all'occhiello di un intellighentia esogena ma il portato di una base culturale ed economica anche locale", così Brunetta, che ha da dire pure a proposito della Mostra del Cinema: "Tra elitismo, ideologismo e parassitismo acuto, è diventata la sorella povera di Cannes e Berlino. Costa solo e non produce".

Foto Emmevi
Acqua alta a Venezia

LA PROPOSTA DI BRUNETTA - Il ministro Brunetta propone poi la sua idea di rilancio della città lagunare:  "Bisogna ricominciare da capo. Mi piace parlare di un quadrifoglio. Rilanciare Marghera e dare finalmente dignità di città a Mestre. Completare il Mose. Fare la metropolitana sublagunare, un anello invisibile perchè costruito in fondo alla laguna che risolve l'insularità di Venezia, collegando aeroporto, ferrovia, Lido, Giudecca. E completare quello che Renzo Piano chiama il Magnete: il sistema viario intorno all'aeroporto. L'attuale classe dirigente veneziana è contraria a tutti e quattro i petali del quadrifoglio. Che invece - ribadisce - dev'essere la premessa su cui poi costruire il Rinascimento culturale della mia città".

galan
Giancarlo Galan
ANCHE GALAN ALL'ATTACCO: "VENEZIA? SPORCA E PIENA DI PANTEGANE..." - Anche Giancarlo Galan, presidente della Regione Veneto, dice la sua su Venezia in una lettera aperta: "Nella città lagunare dilagano varie forme sempre piu' preoccupanti di degrado, abbandono e disservizi vari. In diversi luoghi del centro storico si sono stabilmente installate numerose colonie di pantegane in permanente attivita' tra cassonetti delle immondizie e li' dove si accumulano i resti dei molti ristoranti, che non sanno come difendersi da queste incredibili presenze". Galan aggiunge: "Pantegane a parte, che ormai formano una numerosissima popolazione lagunare, è impossibile non interrogarsi sul prosperare aggressivo, famelico, veramente inquietante di gabbiani cresciuti in anni recenti spaventosamente di numero. Gabbiani che squarciano tutto e di tutto: dai sacchetti dell'immondizia abbandonati ovunque in citta' ai colombi, da cio' che si trova esposto su balconi e finestre a quanto costituisce il tetto di case, palazzi e chiese. Ci sono ore del mattino, o della sera, in cui i gabbiani prendono possesso di campi e fondamenta secondo i modi propri di una mutazione genetica volta al peggio. E' normale tutto ciò?".

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA