C'è la Larsson-mania: Iperborea si apre al giallo

Tutti i particolari sulla nuova collana "Ombre" della casa editrice indipendente milanese specializzata in letteratura del Nord-Europa

Sabato, 24 ottobre 2009 - 12:35:00

In piena "Larsson-mania", la casa editrice milanese indipendente Iperborea (che per prima in Italia ha portato la letteratura scandinava) come anticipato da Affaritaliani.it in un'intervista all'editrice Emilia Lodigiani quest'estate (Emilia Lodigiani, editrice di Iperborea ad Affari: "La Larsson-mania? Noi lo sapevamo già...". LEGGI QUI L'INTERVISTA) si apre al giallo con la nuova collana “Ombre”: quattro titoli all'anno di gialli scandinavi. Per cominciare "Satelliti della morte" di Gunnar Staalesen, "La morte che seccatura" di Torgny Lindgren & Eric Åkerlund (20 novembre 2009), "Il Blues del rapinatore" di Flemming Jensen (2010), "Assassinio di lunedì" di Dan Turell (2010) e "Il Fuggitivo" di Olav Hergel (2010).

Quasi il 60% dei libri che vengono pubblicati nei paesi scandinavi negli ultimi anni sono gialli (secondo recenti studi di Norla – l'Istituto di Cultura Norvegese – più della metà del mercato librario norvegese è occupato da noir e crime fiction). Persino autori di Iperborea tradizionalmente lontani da questo mondo letterario hanno iniziato a scrivere noir e romanzi polizieschi: Björn Larsson (autore di La vera vita del pirata Long John Silver) sta ultimando in questi mesi il suo primo giallo.

Iperborea è convinta che non si tratti solo una “moda editoriale” per una specifica letteratura di genere ma dell'evidenza di una nuova tendenza culturale: l'affermarsi di una maniera quanto mai attuale non solo per raccontare la realtà, ma anche per esprimere un senso di malessere più generalizzato. Forse per "trovare il colpevole" di un momento storico complesso (come non pensare alla crisi finanziaria, alle problematiche d'integrazione, alle discussioni aperte su parità, welfare e stato sociale). Insomma, l'evidenza di una nuova generazione di scrittori scandinavi che sta continuando la tradizione inaugurata a metà degli anni Sessanta dalla storica coppia Sjöwall-Wahlöo e che sembra suggerire che oggi il compito di raccontare le inquietudini del nostro tempo è affidato al “giallo venuto dal nord”. I gialli di Iperborea sono quindi attenti ai temi sociali e politici, e come nella tradizione della casa editrice, anche alla scrittura, alla rivisitazione del genere spesso in chiave ironica.

Gialli di “qualità”, divertenti, raffinati. Come nel caso di "Satelliti della morte" di Staalesen, un romanzo che utilizza e rivisita gli stilemi dei grandi classici della letteratura noir per parlare della contemporaneità (i grandi temi della violenza nella periferia, dell'infanzia rubata, degli intrecci tra la politica e la malavita) o ancora un grande contemporaneo svedese come Torgny Lindgren (di cui Iperborea ha già pubblicato sei titolii) che in La morte, che seccatura riesce a tratteggiare una spassosa parodia dei thriller ambientati tra sette religiose.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA