A- A+
Culture

 

Carrisi_il suggeritore

 

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

di Antonio Prudenzano 
su Twitter: @PrudenzanoAnton

Su Sky Uno, e in contemporanea su Premium Crime, ha appena debuttato l'attesissima serie The Following, firmata da Kevin Williamson (sue anche Dawson's Creek The Vampire's Diaries). Il protagonista è un ex agente dell'FBI (interpretato da Kevin Bacon), esperto nell'elaborazione di profili psicologici, costretto a tornare in attività quando il serial killer che aveva arrestato nove anni prima evade dalla prigione. C'è una curiosità: via Facebook allo scrittore e sceneggiatore italiano Donato Carrisi (che ha esordito nel 2009, per Longanesi, con il bestseller Il Suggeritore, e che ha poi pubblicato Il Tribunale delle Anime e La donna dei fiori di carta) sono arrivate dai fan una serie di segnalazioni proprio legate alla prima puntata di The Following:  "Ho riscontrato una certa similitudine con il Suggeritore, per certi aspetti, che ne pensi?", chiede ad esempio un lettore a Carrisi. E i messaggi di questo tipo sono numerosi. Lo scrittore di Martina Franca è pubblicato anche negli Usa da un importante editore ed è stimatissimo da autori di culto come Follett e Connelly. Cosa penserà di queste eventuali analogie? Lo abbiamo contattato per saperlo. Nell’intervista qui di seguito Carrisi parla anche del seguito del Suggeritore che, come ci rivela, ha appena consegnato alla Longanesi, e che a quanto ci risulta quasi sicuramente sarà in libreria prima dell’estate…

DonatoCarrisi

Carrisi, su Twitter si è "congratulato" con Williamson per la sua "idea originale", aggiungendo un link all'edizione americana del suo bestseller… Quindi ha notato anche lei i punti in comune tra The Following e Il Suggeritore? Può spiegare, in sintesi, quali sarebbero?
"In realtà, non ho ancora visto gli episodi ma, da quanto mi scrivono in queste ore numerosi lettori sparsi nel mondo, sembra che l’idea di un serial killer capace d’influire sulla volontà di suoi simili stando al riparo delle mura di un carcere sia la stessa, anche se declinata in maniera diversa. Però, a quanti si mostravano arrabbiati o addirittura indignati per la similitudine, ho risposto che invece è una specie di riconoscimento del mio lavoro e della mia creatività. In fondo, è raro che uno straniero – soprattutto un italiano – riesca a portare un contributo innovativo in un genere che è sempre stato dominato dagli americani. Perciò voglio pensare che il Suggeritore abbia fatto scuola".

The Following

Da sceneggiatore (oltre che da scrittore) pensa quindi che per la nuova serie cult si siano ispirati anche al suo romanzo d'esordio?
"Chi ha a che fare con il genere thriller ha sentito sicuramente parlare del libro in questi anni. D’altronde, si tratta di un romanzo che ha già venduto più di un milione di copie e i cui diritti di pubblicazione sono stati acquistati in 26 paesi nel mondo. Ma anche in questo vedo un aspetto positivo: le idee migliori, alla fine, si trovano sempre nei libri. Cinema e televisione stanno, in un certo senso, tornando alla fonte. Il futuro, dunque, è in questo strumento narrativo troppo spesso dato per morto. Invece, a quanto pare, è più vivo che mai".

"Il Suggeritore" è stato pubblicato, tra gli altri, negli Usa ma anche in Cina e ora anche in Giappone: i fan (italiani ma non solo) del suo thriller da tempo attendono il seguito. Dovranno aspettare ancora a lungo?
"Posso anticipare che il nuovo romanzo è da una settimana nelle mani dell’editore Longanesi. Nessuno in casa editrice se lo aspettava anche perché sono sparito per sei mesi… e leggendo il libro capirete il perché e dove sono stato. Il fatto è che dovevo seguire il richiamo di una voce… e da un po’ di tempo Mila Vasquez, la cercatrice di persone scomparse, era tornata a parlarmi".

A proposito, da tempo si parla della possibilità che "Il Suggeritore" diventi un film. Si è parlato anche di importanti produzioni internazionali interessate... A che punto è il progetto?
"Il Suggeritore è nelle mani della CAA, la più importante agenzia cinematografica americana, che è fortemente impegnata nella realizzazione del progetto. In questi anni si sono fatti avanti in tanti, anche a Hollywood. La possibilità è concreta, ma è necessario trovare la giusta alchimia per fare un film tratto da una storia che ha già avuto un successo di pubblico. Lo dico da sceneggiatore, perché so che in questi casi è sempre in agguato il rischio di deludere i lettori del romanzo che hanno una loro idea della storia e dei protagonisti e, in un certo senso, hanno già visto un film nella loro testa".

 

Tags:
il suggeritorethe followingdonato carrisilonganesicarrisi il suggeritore
Loading...
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel Grandland X Hybrid4, l’off road non le fa paura

Opel Grandland X Hybrid4, l’off road non le fa paura


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.