A- A+
Culture
Edison 4Expo ospita Bina Agarwal

Fondare nuove regole per un’economia più efficiente che ponga donne e uomini sul medesimo piano. È questa la sfida che si devono prefiggere le nuove generazioni secondo Bina Agarwal, professoressa dello Sviluppo Economico e Ambientale all’Università di Manchester, ospite oggi di Edison Open 4Expo in una conferenza dal titolo “Istituzioni, proprietà e disuguaglianza di genere”.

 

Secondo la professoressa Agarwal le istituzioni (ossia, l’insieme di leggi e convenzioni che regolano la società) “sono profondamente ingiuste, perché nascondono un lato oscuro che discrimina il genere femminile”, soprattutto quando si tratta di diritti di proprietà e di reddito. Questa macchia che si riscontra nelle norme sociali è variamente diffusa alle diverse latitudini: dai paesi occidentali, dove non sempre le donne hanno un salario uguale a quello degli uomini, ai paesi africani o del Sud-Est Asiatico, dove il genere femminile è confinato ai lavori domestici e raramente, anche quando lavora, può vantare il diritto al possesso di beni.

 

Le disuguaglianze sono ben documentabili, ad esempio, anche nelle zone rurali dell’Asia Meridionale dove, in genere, le donne lavorano più ore rispetto agli uomini e i compiti tra i due sessi sono rigidamente divisi: le mogli si occupano delle faccende domestiche, di cucinare e raccogliere i foraggi, mentre gli uomini costruiscono attrezzi agricoli e godono di una maggiore libertà di movimento. L’effetto evidente di buona parte di queste norme comportamentali è di minare la partecipazione delle donne alla vita pubblica, relegandole a un ruolo subalterno rispetto ai politici uomini. Ma a ben guardare secondo Agarwal, dietro le disuguaglianze di genere si nascondono anche molte inefficienze dell’economia.

 

La tesi di fondo della professoressa è che le donne nei paesi in via sviluppo, proprio in virtù del loro stretto legame con la terra e i mezzi di sussistenza, possono difendere con più convinzione le risorse naturali (posizione nota col termine di ecofemminismo). Gli uomini al contrario sono maggiormente integrati al mercato e dunque maggiormente compromessi. Nella lettura di Agarwal, dunque, il rafforzamento del potere negoziatore delle donne nei confronti degli uomini, aldilà di una maggiore equità sociale, porterebbe una maggiore tutela ambientale e delle risorse comuni, avendo tra i suoi effetti anche quello di ridistribuire la ricchezza. 

 

Bina Agarwal si è formata all’Università di New Dehli, in India, dove è nata. Oltre a insegnare all’Università di Manchester, è presidente della Società Internazionale per le economie ecologiche. Strenua femminista, ha concentrato i suoi studi sulle disuguaglianze di genere, i paesi in via di sviluppo, i mezzi di sussistenza e i diritti di proprietà. Nel 2010 il Global Development and Environment Institute le ha conferito il premio Leontief per i contributi che i suoi studi hanno dato allo sviluppo sostenibile e al benessere delle comunità rurali.

 

L’incontro con Bina Agarwal è l’ultimo che Edison Open 4Expo dedica ai grandi economisti del nostro secolo. Da maggio a oggi a Palazzo Edison si sono succeduti il premio Nobel Amartya Sen, che ha trattato il tema delle carestie e della sicurezza alimentare; Michael Landesmann, esperto di integrazione economica tra Est e Ovest; Jackie Krafft, ricercatrice del prestigioso Centre National de la Recherche Scientifique (il maggior istituto pubblico di ricerca francese) che ha illustrato come le Pmi possono diventare aziende ad alto tasso di crescita; Joel Mokyr, storico dell’Economia alla Norwestern University di Chicago, che ha tenuto un seminario sulla forza dirompente della tecnologia; e Paul Allan David che ha evidenziato i rischi che le nostre economie e i nostri ecosistemi stanno correndo per effetto dei cambiamenti climatici.
 
Edison Open 4EXPO è il ricco calendario di eventi con cui la società energetica apre le porte alle menti più brillanti di questo secolo, per costruire insieme un Charter dell’Innovazione da lasciare come eredità al nostro Paese e alle sue istituzioni dopo l’Esposizione Universale. Premi Nobel, economisti prestigiosi, scienziati, i più noti opinionisti, artisti italiani ed internazionali, ma soprattutto giovani ricercatori, startupper e maker si confrontano durante i 6 mesi di Expo nella sede storica di Foro Bonaparte, all’Edison Open Garden Triennale e alla Rotonda della Besana per costruire insieme il dopo Expo 2015.  A chiudere il programma il 7 novembre sarà la direttrice del Cern Fabiola Gianotti, simbolo dell’eccellenza italiana nella ricerca.

 
 

Tags:
edison-agarwal-ecofemminista
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.