A- A+
Culture
Elia Festa, fotografo che diventa designer. La mostra

di Simonetta M. Rodinò

Una lunga ricerca fotografica che racconta di come eravamo e non siamo più. L’artista si chiama Elia Festa. La mostra “Nato soprattutto a Milano”, da oggi alla galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano - Refettorio delle Stelline.

Il 61enne fotografo milanese comincia molto presto a lavorare. “A quattordici anni facevo i lavori più comuni per l’agenzia Young&Rubicam. Ma già due anni dopo lavoravo per loro come free lance. Guadagnavo 20mila lire al mese. Era molto poco. Ma spesso mi capitava di essere retribuito molto di più per servizi esterni all’agenzia”, confida.

La rassegna, curata da Fortunato D’Amico, in un ampio percorso temporale e cronologico, accoglie una selezione di opere tra le più rappresentative di quasi cinquant’anni di speculazioni artistiche: dagli anni settanta con le prime ricerche fotografiche agli anni Ottanta con la realizzazione delle più importanti campagne pubblicitarie per note aziende italiane - Breil, San Pellegrino, Moschino, Kodak, Enel...-. Dall’intensa e proficua collaborazione con la Galleria Photology di Milano e Londra, cominciata nel 1993 e durata fino al 2002, agli inizi degli anni duemila, quando per esigenze scenografiche compie il passaggio dalla fotografia analogica all’immagine digitale.

“Se non si ha alle spalle una scuola, il risultato del digitale è dozzinale”, sostiene Festa.

L’esposizione, dall’insolito e coinvolgente allestimento, ha inizio con una sorta di camera oscura per passare poi a una parete colma di stampe originali di personaggi, magazzino della memoria: dall’amico Pierre Restany ai due Mario, Giacomelli e De Biasi, del progetto “Vita”, agli amici Rotella, Kodra, Salvatores, Abatantuono…della categoria uomini.

Sulla parete di fronte una carrellata su alcune campagne fotografiche pubblicitarie.

E ancora…dalle immagini realizzate all’Habana al progetto “It's about blood”, in cui descrive dolore e anima del grande sacrificio umano della storia Africana, dal reportage del raduno delle moto Vespa a Girona all’ultimo lavoro commerciale per un marchio di orologi.

Poi il mondo nuovo: l’astratto diventa la sua cifra stilistica. Dalla collezione di pavimenti tessili denominata “Photosophy" all’interpretazione de “L’ultima cena”, al video sul sole con le note

dai suoni puliti e inaspettati di Paolo Tofani

 

“Nato soprattutto a Milano”

Galleria Gruppo Credito Valtellinese - Corso Magenta 59 -  Milano

17 maggio - 1 luglio 2017

Orari: da martedì a venerdì h. 13.30/19.30; sabato h. 10.00-18.30

Ingresso libero

galleriearte@creval.it - www.creval.it

Tags:
elia festamostra elia festaelia festa mostra
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.