A- A+
Culture
Gianni Berengo Gardin, la vera fotografia In mostra a Milano
Gianni Berengo Gardin - Bacino San Marco, visto da via Garibaldi. Venezia,2013-2015. © Gianni Berengo Gardin - Courtesy Fondazione Forma

di Simonetta M. Rodinò

Grande narratore dell’Italia, innamorato dei grandangoli, con la sua Leica rigorosamente analogica, sempre a portata di mano, Gianni Berengo Gardin, tra i grandi fotografi conosciuti in tutto il mondo, da sempre non è scalfito dal proprio successo.

Presenza ineludibile nel panorama culturale del Novecento, l’autore, nato a Santa Margherita nell’ottobre del 1930, è protagonista della mostra “Gianni Berengo Gardin - COME IN UNO SPECCHIO. Fotografie con testi d’autore”, nelle sale di Forma Meravigli a Milano.

“Un omaggio non tanto a me quanto alla fotografia italiana”, si schermisce il quasi 90enne maestro con quel suo fare sempre educato e corretto.

Il percorso è tematico e filologico: dalle prime immagini di Venezia degli anni ’50, attraverso quelle del mondo del lavoro e le sue trasformazioni, le condizioni della donna al Nord come al Sud. Non ha trascurato le sfere degli innamorati, degli zingari per giungere alle più recenti foto dedicate alle grandi navi che s’impongono nella Laguna.

Una rassegna, da non perdere, dal taglio particolare: non è la consueta antologica, ma un’esposizione a più voci. Le 24 immagini selezionate dall’immenso corpus fotografico sono commentate da altrettanti personaggi dell’arte e della cultura. Amici, intellettuali, colleghi, artisti, giornalisti, registi, architetti. Hanno accostato i propri testi a ciascuna delle foto scelte.

“Una rimessa dell’atm, a Milano, trent’anni fa. Elementi di disturbo, nessuno. Linee architettoniche perfettamente orchestrate. Il punctum dell’immagine è rappresentato dai due uomini che avanzano…. Un tocco incongruo, un tocco di classe, quella casualità cercata che definisce l’immagine. Ogni elemento è al suo posto, inquadrato in modo magistrale e tuttavia ancora non basta. La fotografia è semplice e potente …” scrive Giovanna Calvenzi, curatrice della mostra.

“Dieci minuti buoni senza muoversi. Come un cacciatore. Poi improvvisamente schiaccia e scatta la fotografia.  Si gira e mi dice: Fatto”. Parole di Renzo Piano in occasione nel 1993 del cantiere dell’aeroporto di Osaka, nel Kansai.

“I segni oggettivi del manicomio, il taglio dei capelli, le giacche sempre troppo larghe o troppo strette, le camicie senza collo appaiono in tutta la loro drammaticità nel contrasto con gli sguardi, che… testimoniano la resistenza dell’umano ma anche cominciano a far emergere le singolari identità perdute”. Commenta lo psichiatra Peppe Dell’Acqua davanti all’immagine scattata da Berengo nel 1968 nell’istituto psichiatrico di Parma.

Guardando le foto della serie “Venezia e le Grandi Navi”, realizzate dal 2013 al 2015, la critica d’arte Lea Vergine scrive: “Non un’elaborazione virtuosistica per creare situazioni stravaganti…La nave appare immobile…capiamo che l’incontro del silenzio sbigottito di chi guarda e del rumore della nave dà alla foto il senso di un accadere concreto… Qualcosa di funebre e di tristo in questa in naturalità. Una gelida seduzione che pala di morte”.

Ha raccontato in bianco e nero le sfaccettature della vita soprattutto del nostro Paese documentando storie visive a tutto tondo. Una straordinaria narrazione dettata dalla sua costante curiosità e voglia di denuncia.

Gianni Berengo Gardin – COME IN UNO SPECCHIO. Fotografie con testi d’autore

Forma Meravigli – Via Meravigli 5 - Milano
12 febbraio – 5 aprile 2020

Da mercoledì a domenica dalle 11.00 alle 20.00; lunedì e martedì chiuso

Infoline: 02 5811 8067

Ingressi: intero: 6 euro - ridotto: 4 euro

www.formafoto.it

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    gianni berengo gardingianni berengo gardin fotografie mostra milanogianni berengo gardin mostra milano
    Loading...
    in evidenza
    Liti e urla in casa. La Elia si isola "Voglio solo sopravvivere..."

    Grande Fratello Vip bufera-news

    Liti e urla in casa. La Elia si isola
    "Voglio solo sopravvivere..."

    i più visti
    in vetrina
    Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...

    Lana Rhoades, pornostar svela il messaggio da un calciatore famosissimo...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno

    Milano Monza Motor Show e Salone del Mobile, in contemporanea il 18-21 giugno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.