A- A+
Culture

 

Filosofia sui Navigli, il programma completo

Filosofia sui navigli/ Rivivi la scorsa stagione nei video di Affari

Il piacere del pensiero, il maggiore dei piaceri... L'introduzione di Angelo Maria Perrino

Milano/ Un successo l'incontro dei filosofi sui Navigli, a parlare di Monti e dopo Monti. E ora gli interventi sono stati raccolti nell'e-book di AI

COMPRA QUI LA VERSIONE CARTACEA DEL LIBRO

COMPRA L'E-BOOK

Non si tratta solo di integrazione, di comprensione di culture differenti o di politica, i Rom hanno un ruolo fondamentale per comprendere la società contemporanea. La "questione Rom" viene per la prima volta affrontata da un punto di vista filosofico da Michel Eltchaninoff (professore di teoretica associato a Paris 1) sulla nota rivista francese di cui è curatore, Philosophie, per arrivare alla conclusione che la società di oggi, così convinta di avere poco in comune coi nomadi, in realtà ne è piena espressione e, proprio per questo motivo, varrebbe la pena soffermarsi di più su quella che potrebbe essere nuova icona della postmodernità. Secondo il filosofo l'analisi sociologica del nomadismo spesso si riduce al concetto generico di "stile di vita molto diverso dal nostro", motivo per cui i Rom "non possono essere integrati". Ma non può e non deve essere solo questo. I Rom rappresentano una svolta nell'analisi del concetto di alterità nella società postmoderna: di fatto sono espressione della liquidità che caratterizza i rapporti di oggi, simbolo dell'instabilità e della necessità di cambiamento che rende anche le nostre generazioni sempre meno legate alle proprie radici.

Paradossalmente i nomadi si rivelano molto più radicati dei giovani di oggi, pronti ad abbandonare e rinnegare le proporie origini in nome della scoperta dell'altro. La tradizione che per noi spesso sembra non avere più senso ne acquista uno molto forte per un popolo la cui dimora è più fissa di chi vive da trent'anni sotto lo stesso tetto. Anche l'atteggiamento nei confronti della civiltà e la tendenza a considerarla come nemico o elemento esterno e aggressivo è diventato specchio dell'apatia contemporanea verso la collettività e i fini comuni. L'insieme di queste caratteristiche, sempre secondo Michel Eltchaninoff, riconduce a ciò che Gilles Deleuze e Felix Guattari chiamavano "rhizome". Al contrario del simbolo dell'albero, con radici ben consolidate questa pianta che nasce sull'acqua ha mille radici sotterranee che si intrecciano e danno vita a una rete vegetale infinita: simbolo per i due filosofi di una civiltà multipla, sfuggente, polimorfa, come quella nomade, ma anche come quella postmoderna analizzata da Bauman.

 

SPECIALE POP-FILOSOFIA

Non tutti i prodotti del web e della tv sono culturali, ma molti sì. Dobbiamo cominciare a cercare arte e cultura nei nuovi media di formazione. L'intervista a Simone Regazzoni

Francesco Bucci si scaglia contro la pop filosofia

Anima e iPad, intervista al filosofo Maurizio Ferraris

Luoghi comuni, l'intervista alla filosofa Nicla Vassallo: "La pop filosofia è una bufala"

LOST come la Divina Commedia/ Ecco come cambia la cultura

ESCLUSIVO/ Nasce un nuovo genere narrativo: Simone Regazzoni lancia la phil-com

Addio accademie e circoli, la filosofia è pop e arriva ai videogiochi e alle serie tv

..................................................................

SPECIALE NUOVO REALISMO

Maurizio Ferraris ad Affaritaliani.it: "Diversamente da quanto sostenevano i postmoderni, il mondo sociale non è una sfera liquida ed evanescente"

DIBATTITO SUL NEOREALISMO FILOSOFICO/
Esplode la discussione: INTERVENTI, SPECIALE

..................................................................

SPECIALE NUOVO FEMMINISMO

L'Italia è malata di sesso, ma la pornografia è un genere serio. L'intervista allo storico e massmediologo Pietro Adamo

Carola Barbero, la pop filosofia parte da Sex and the city

"Non si può valutare l'intelletto astraendo dal corpo. Il nuovo femminismo? Non è bigotto e si occupa dei diritti di chi per scelta esibisce il proprio corpo, come le Sex Workers in Germania e Usa". Il filosofo Simone Regazzoni, autore anticonformista che nel libro Pornosofia ha analizzato le dinamiche della rappresentazione del corpo, commenta con Affari, il tema della bellezza, tra filosofia e femminismo. INTERVISTA

FORUM/ Credi che la ricerca della verità possa raggiungere le masse attraverso nuovi linguaggi e forme di espressione moderne quali reality, telefilm e sit-com? O la cultura resta un fenomeno d'elite?

LE RICETTE ANTICRISI DEI GRANDI FILOSOFI

La ricetta di Zygmunt Bauman in esclusiva ad Affari

Dall'intelligentia francese arrivano due lezioni importanti: l'ottimismo e l'importanza dell'azione. Le ricette di Edgar Morin e René Girard

Derrida, la sua ricetta per una società civile. Intervista a Regazzoni

Dopo Indignamoci! arriva Engagez-Vous!, Stéphane Hessel: indignarsi per cambiare il mondo

 

Tags:
rompostmoderni
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.