A- A+
Culture
Il Museo della Scuola e dei Bambini dell’Istituto partenopeo “Collodi”
Di Harry di Prisco 
 
Il viaggio che vogliamo proporvi oggi non è un suggerimento a visitare un Paese lontano o vicino per conoscere usi, costumi e tradizioni degli abitanti di quei luoghi, ma bensì è il viaggio più entusiasmante che nessuno mai potrà proporvi: un "viaggio" in noi stessi, nel nostro mondo passato, nei ricordi della nostra infanzia. Di cosa si tratta vi starete chiedendo - speriamo - incuriositi? Andiamo oggi  alla scoperta di un museo del tutto particolare, quello "Della Scuola e dei Bambini", allestito per volontà del Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Rosaria Scalella presso l'Istituto comprensivo Gigante-Neghelli di Napoli in Via Luigi Rizzo, presso la scuola "Collodi". Il museo, curato dall'insegnante Anna Iovine con la collaborazione di tanti volontari fra cui alcune maestre in pensione, è frutto delle preferenze espresse dagli stessi bambini - i veri custodi della memoria storica - e delle donazioni fatte da alcuni docenti. Il museo è  collocato in un aula a ciò destinata del comprensorio. E allora che il viaggio per conoscere questo luogo delle meraviglie nel nostro e vostro passato abbia inizio! Come fare? Basta prenotare una visita guidata da parte di un cicerone in erba o - per gli insegnanti - un laboratorio per la propria classe. Lo "spettacolo" è adatto a tutti i bambini, dai 3 ai 99 anni, questi ultimi solo se accompagnati dai genitori. Il museo è nato dalla consapevolezza che il materiale didattico e tecnico usato nelle scuole (già chiamate elementari) prima dell'avvento preponderante dell'informatica, veniva spesso abbandonato nei depositi seminterrati, in attesa di essere smaltito, perché ormai obsoleto. E' bastata una piccola ma "grande" idea perché questo polveroso materiale tornasse a nuova vita, facendolo riemergere dai sotterranei, catalogato e reso nuovamente fruibile.
 
Ecco che le cose dimenticate hanno ritrovato la loro collocazione e hanno cominciato a raccontarci la loro storia che affonda nel passato, anche prima che noi venissimo al mondo. E allora ecco: calamai, pennini cavallotti, mappamondi, sussidiari, registri che, chi è più avanti negli anni, ricorderà di aver avuto come compagni degli anni verdi, quando si andava a scuola con il grembiule nero e il fiocco. In mostra anche le terribili punizioni,  per intenderci alla Giamburrasca: il cappellone con le orecchie di asino e le lenticchie da mettere sotto le ginocchia dietro la lavagna (quella elettronica doveva ancora essere inventata). Il museo ha una forte valenza culturale per il territorio e non solo, facendo rivivere magici momenti di una gioventù che "passa in fretta e non torna più". La visita a noi "anta" può essere considerata alla stregua di una passeggiata nostalgica nei ricordi del passato, nei giovanissimi visitatori - invece - la conoscenza dei sussidi didattici del Novecento può spronare ad approfondire, avviando un processo di ricerca che porterà ad un  arricchimento culturale.
 
E allora non ci resta che farci aprire la piccola porta al piano terra della scuola "Collodi" di Napoli per accedere, in punta di piedi, ad un mondo fantastico fatto di giochi, libri, forme e materiali che ci riportano indietro nel tempo, alla scoperta della storia della scuola, un vero laboratorio dove è vietato NON toccare gli oggetti già utilizzati per le lezioni quotidiane. Sembra di sentire la presenza dei grandi pedagogisti del passato come: Froebel, Montessori e Lodi, che dalle pagine dei loro libri ci invitano a non dimenticare la loro opera per meglio comprendere la scuola di ieri e oggi. Nel congedarci dalla curatrice Anna Iovine Le chiediamo se è soddisfatta del lavoro fin qui fatto, un unico rammarico: "non aver reperito un banco di legno verniciato di nero". Dunque dicevamo che da una piccola idea è nato un coinvolgente progetto culturale, allora perché non coinvolgere anche altre scuole? Utilizzando il materiale didattico dei loro depositi potrebbero con la collaborazione degli insegnanti - magari attraverso una rete di musei della scuola e con l'auspicio del Provveditorato - realizzare iniziative per promuovere tra gli alunni della scuola primaria e secondaria la conoscenza delle origini e degli sviluppi del sistema formativo per comprendere, fra l'altro, l'evoluzione del libro di scuola: dall'Abbecedario al Tablet.
Tags:
museo scuola bambinimuseo collodi napoli
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.