Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Il terzo genere esiste. Parla la filosofa e scienziata Elisa A.G. Arfini

 

Altro che uomini e donne: il terzo genere esiste. E non sono ipotesi avanzate da qualche progressista coraggioso, è un dato scientifico. La nozione di “gender” ha davvero spezzato l’equazione tra sessi e natura. "L'1,7% delle nascite presenta casi d'intersessualità ed è un dato rilevante" spiega ad Affari Elisa A.G. Arfini, autrice di 'Scrivere il sesso'. "La teoria transgender elimina il concetto di maschio e femmina 'perfetti', tipico della cultura tradizionale. Ciò vuol dire che nessuno è maschio o femmina al 100%". 

Il viaggio filosofico-scientifico di Affari nel mondo del transgender o del queer (le teorie che contestano la tradizionale divisione tra generi).

Nel suo libro Elisa Arfini racconta anche il percorso di Louis G. Sullivan, transessuale da donna a uomo gay. Il destino di un pioniere nel fai-da-te dell’identità rivelato attraverso i suoi diari inediti.

Mettere in crisi la distinzione tra i sessi rappresenta una rivoluzione culturale. Su cosa si fonda la teoria queer?
"Sul costruzionismo, la teoria per cui tutto ciò che il senso comune stabilisce come vero e immutabile è in realtà un prodotto sociale.  E anche tutte le categorie per stabilire la differenziazione sessuale sono dipendenti da un contesto culturale e sociale, ad esempio gli esami ormonali o del Dna".

Cosa cambia nella lettura della realtà sociale?
"Tutto. Cambia il modo di stabilire chi può essere definito maschio e chi femmina e anche 'quanto' una persona possa essere cosiderata maschio e 'quanto' femmina. Bisogna tenere presente che attualmente la nostra identità non viene scissa dal genere. Per tradizione, nel definire chi siamo, ci identifichiamo prima attraverso il nostro sesso. Una visione meno inquadrata dei generi è ancora un'utopia che l'esperienza transgender (lungi dall'eliminare la dicotomia di genere) cerca di rendere possibile".

Quindi ci sono diversi gradi di essere maschio o femmina?
"Sì la teoria transgender elimina il concetto di maschio e femmina perfetti tipico della cultura tradizionale. Nessuno è uomo o donna al 100%. I due generi fanno parte di uno stesso continuum i cui estremi rappresentano solo degli idealtipi di riferimento".

Il famoso braccialettino rosa e azzurro perde di significato...
"Sì. Alla nascita noi siamo etichettati dal braccialetto che sembra stabilire il nostro destino, in realtà poi ognuno di noi nel corso della vita modifica il suo status cromosomico e ormonale iniziale, consapevolmente o meno".

La scienza come reagisce a queste trasformazioni?
"Il rapporto del transgender con la scienza è controverso. Nella vita delle persone che cambiano sesso la scienza deve intervenire per forza e il suo obiettivo è comunque lavorare sui corpi nel modo più oggettivo possibile: deve quindi essere considerata un elemento sociale capace di seguire le esigenze e i cambiamenti della società".

La scienza ha da un lato a che fare con il presupposto oggettivo della differenza tra i sessi, dall'altro è sperimentazione...
"Sì, infatti riconosce ciò che la legge ancora nasconde. Caso emblematico è l'intersessualità, ovvero il nome moderno dell'ermafroditismo, individui che presentano geneticamente e a livello ormonale un mix di caratteri sessuali. La scienza ci aiuta a capire che biologicamente la differenziazione sessuale non è così netta. Perchè le tecniche si sono affinate. Prima si studiava la sessualità solo attraverso gli organi, ora si analizza profondamente il patrimonio genetico. Le stime dicono che l'1,7% delle nascite presenta casi d'intersessualità, ovvero di elementi misti tra i sessi, ed è un dato rilevante. In certi casi però è la stessa scienza ad adeguarsi alla tradizione e alla legge, prendendo posizione sul genere di chi nasce con una sessualità dubbia, per poi intervenire con interventi ormonali o chirurgici che lo portino verso una 'normalità' che è un concetto totalmente infondato da un punto di vista biologico".

Questo perché?
"Perchè è ancora al servizio di una biopolitica in cui i corpi vengono disciplinati secondo regole".

Si può dire dunque che l'ermafrodita esiste?
"Dipende a chi lo si chiede. Nell'età classica esisteva. Quando poi la scienza si è impossessata della caratterizzazione dell'individuo e della sua riconduzione ai due generi sessuali è diventato solo un idealtipo. Certo è che, come ho detto, la scienza riconosce una commistione biologica non indifferente".

Elisa A.G. Arfini è dottoranda in Modelli, Linguaggi e Tradizioni nella Cultura Occidentale presso l’Università di Ferrara. Si occupa di studi di genere e teoria queer.

Virginia Perini

Elisa A. G. Arfini
Scrivere il sesso
Retoriche e narrative della transessualità
Pagine: 144
Prezzo €: 14,00

Commenti


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    Advertisement

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it