"Il mio nome è Legione" (Transeuropa). Il Male visto da Demetrio Paolin

E' di Demetrio Paolin uno dei romanzi più potenti e inquietanti del 2009: "Il mio nome è Legione" (Transeuropa). LA RECENSIONE

Mercoledì, 9 dicembre 2009 - 11:30:00

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

Si potrebbe cominciare dicendo che "Il mio nome è Legione" (Transeuropa) di Demetrio Paolin, classe '74, è uno dei libri italiani più potenti del 2009. Si potrebbe aggiungere che a scriverlo è stato un 'quasi' esordiente, e quindi il merito dell'autore è maggiore, vista la maturità dimostrata. Ma la cosa più urgente che chi ha terminato un romanzo del genere sente l'esigenza di comunicare è un'altra: di pagina in pagina il suo corpo di lettore non è restato indifferente.

demetrio paolin
Demetrio Paolin

Paolin ha la rarissima capacità di sconvolgerti ossa muscoli e organi vitali, di procurare a chi si confronta con queste pagine, dove il Male è un fantasma la cui presenza è avvertibile costantemente, continui groppi in gola, alterazioni del battito cardiaco, accellerazioni del ritmo respiratorio, che neanche "Profondo rosso" di Argento.

demetrio paolin
La copertina

Il protagonista del romanzo si chiama Demetrio come l'autore; è nato nello stesso anno dell'autore; si occupa, tra le altre cose, di ufficio stampa come l'autore, e come l'autore ha la scrittura e la voglia di raccontare nel sangue. Ma non è importante sapere quanto di autobiografico ci sia in questo dilaniante libro perfetto. Piuttosto, va sottolineata la capacità di Paolin di mettere su carta, con una serie di balzi temporali senza preavviso che per abituarsi occorre un po', una catarsi esistenziale senza limiti, che Giuseppe Genna, narratore contemporaneo di culto che tra i primi ha letto il manoscritto de "Il mio nome è Legione", ha definito "(...) un magnete di sangue umano (...) la tragedia, l'attraversamento totale del male (...) un oggetto narrativo urgente". Sì, di urgenze questo romanzo è saturo. Urgenze spesso inquietanti, ma che fanno riflettere. Un processo di immedesimazione che può essere pericoloso, ma è inevitabile. Demetrio Paolin, scrittore di quell'empatia che ti segna per sempre.

 

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA