Picca ad Affaritaliani.it: "Lo Strega? Vedremo... a me basta che le massaie amino il mio libro"

IL PERSONAGGIO/ Rizzoli ha da poco pubblicato "Se la fortuna è nostra". E nei giorni scorsi si è fatto il nome del suo autore, Aurelio Picca, per una possibile candidatura allo Strega (lo scrittore fa parte degli Amici della Domenica). In attesa della decisione della Rcs Libri, Picca si racconta con Affaritaliani.it: "Questo è un libro che mi sono scritto per vent'anni sul corpo. La critica finora è stata generosa, ma a rendermi felice sono stati soprattutto gli ottimi riscontri ricevuti dai lettori, un pubblico di massaie e uomini normali". E sullo Strega: "Mi interessa fino a un certo punto. E' il premio degli editori, se la vedranno loro. Fin da bambino, essendo stato un orfano, sono stato addestrato alle difficoltà. La mia fragilità d'orfano è diventata una forza. Non sono abituato ad attendere le decisioni altrui, ma in questo caso non posso fare altrimenti". E poi parla dei libri che ha in cantiere (tra cui "un libro 'terribile' su mia madre... e un romanzo è 'terribile' quando è scandalosamente vero... in Italia se ne scrivono pochissimi") e dei 150 anni dall'Unità d'Italia: "Sono già stufo, ma solo perché ne ho parlato per tutta la vita nei miei libri...". L'INTERVISTA

LA TRAMA DEL NUOVO LIBRO DI PICCA

La vita, la morte, l’eredità, la roba. Le regole del sangue. Un mondo posseduto da riti primitivi e passioni inestinguibili, un mondo di uomini dolci come il miele e feroci come animali, attaccati con pelle e unghie alla terra. Questo mondo e la sua epopea di donne devote, di gente che si toglieva il pane di bocca per amore della roba, rivive nelle pagine del romanzo che il nonno Aurelio, uomo di fede repubblicana e mangiapreti, incitava l’autore a scrivere, e che è intitolato alla fortuna. Nella fortuna il vecchio aveva sperato per ricostituire il patrimonio che il capostipite, nonno Arcangelo, aveva dilapidato, tra amori e odi, grandezze e miserie. Aurelio, prossimo alla morte, aveva mostrato al nipote prediletto delle schegge di legno dorato, donate a lui da Arcangelo; le aveva conservate in gran segreto nella disperata speranza che potessero tornare a essere le ali dell’Arcangelo Michele, il protettore del capostipite, e riportare la famiglia agli antichi splendori liberandola finalmente dal fato avverso e crudele. Le parole dell’autore ne hanno tramandato la memoria ai discendenti di Arcangelo e Aurelio. Anche se non saranno mai più proprietari del Regno di Colle di Pietra, la terra nessuno riuscirà più a sottrargliela. (dalla scheda)

 

premio strega a

mario desiati
Desiati

L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT/ DESIATI SCHERZA SUL CONFLITTO D'INTERESSE ALLO STREGA... SCOPRI TUTTE LE ULTIME SULLA CORSA AL PREMIO...

 

LO SPECIALE

Libri

Speciale libri/ Scrittori, editori, editor, classifiche, interviste, poltrone, recensioni, brani in anteprima, blog, e-book, riviste online, notizie, curiosità, anticipazioni. Su Affaritaliani.it tutto sull'editoria

di Antonio Prudenzano

aurelio picca
L'autore
Aurelio Picca ha da poco pubblicato per Rizzoli "Se la fortuna è nostra", libro che in quest'intervista definisce, a ragione, "veramente necessario". Proprio in questi giorni si fa il nome dello scrittore, poeta e video maker nato a Velletri nel 1957, per una possibile candidatura al premio Strega (tra l'altro, dal 1998 l'autore fa parte degli Amici della Domenica). Rcs Libri, al momento, deve ancora prendere una decisione in merito (qui tutti gli aggiornamenti, ndr). Di certo, a Picca non piace essere paragonato all'amico Pennacchi (che lo scorso luglio si impose un po' sorpresa al Ninfeo): "Di Pennacchi ho stima, ma non vorrei essere scambiato per lui. E' vero, siamo vicini anche geograficamente visto che io lo 'osservo' dall'alto dei Colli Albani e che ci separano solo una trentina di chilometri, ma è anche questione di nomi... lui ha i 'pennacchi' e io la 'picca', un'antica arma...". Non ce ne voglia Aurelio Picca, ma come Pennacchi ha la battuta prontissima. 

Aurelio Picca Rizzoli
La copertina

Lo scrittore laziale ha esordito nel '90 con una raccolta di poesie, "Per punizione". E' invece datato '92 il suo debutto nella narrativa, con la raccolta di racconti "La schiuma". Giustamente, l'autore ci tiene molto alla sua ultima creatura, della quale ci dice: "Se la fortuna è nostra è un libro che mi sono scritto per vent'anni sul corpo, quindi mi interessa solo che venga letto e capito. Avevo dato la mia parola anche ai morti che l'avrei scritto e ce l'ho fatta, questo mi basta. Lo Strega mi interessa fino a un certo punto...". E subito aggiunge: "La critica finora è stata generosa, ma a rendermi felice sono stati soprattutto gli ottimi riscontri ricevuti dai lettori. E' importantissimo il giudizio del pubblico, quello che si pone davanti a un libro in maniera passiva. Un pubblico fatto da massaie e uomini normali". Poi Picca chiude così (per ora...) il discorso sullo Strega: "E' il premio degli editori, se la vedranno loro. Fin da bambino, essendo stato un orfano, sono stato addestrato alle difficoltà. La mia fragilità d'orfano è diventata una forza. Non sono abituato ad attendere le decisioni altrui, ma in questo caso non posso fare altrimenti".

Di certo, lo scrittore reduce da un libro emotivamente impegnativo come "Se la fortuna è nostra", è già pronto a rimettersi a scrivere: "Ho ancora due o tre libri importanti da scrivere. Un romanzo su un palazzo enorme, dove tutti ascoltano i rumori e non si sa perché, poi un libro 'terribile' su mia madre, a cui ho già dedicato 'Sacrocuore' (2003), che spero sia ripubblicato da Rizzoli. E infine, credo che scriverò anche un terzo libro, 'interiore'...". Ma cos'è un libro 'terribile' per Aurelio Picca? "Un romanzo è 'terribile' quando è scandalosamente vero. E in Italia se ne scrivono pochissimi".

In queste settimane si parla tanto dei discussi festeggiamenti per i 150 anni dall'Unità d'Italia: "Sono già stufo, ma solo perché ne ho parlato per tutta la vita nei miei libri. Ad esempio, nel '98 Rizzoli ha pubblicato 'Tuttestelle', in cui raccontavo la storia d'Italia attraverso gli occhi di un bambino. E nel 2004 ho scritto (e pubblicato nel 2007) anche un poemetto attualissimo e provocatorio, 'L'Italia è morta, io sono l'Italia'...".


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

In evidenza

Ascolti, Isola dei Famosi top Harry Potter batte Floris
RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it