A- A+
Culture

 

 

IL RETROSCENA DI AFFARITALIANI.IT


I giudici di Masterpiece? Verso il trio Andrea De Carlo, Giancarlo De Cataldo, Elisabetta Sgarbi... - ECCO TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE SUL NUOVO TALENT PER ASPIRANTI SCRITTORI…

 

 

I PARTICOLARI SU WEST EGG

Libri, se l'editor si mette in proprio... LA TENDENZA..

 

 

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

di Christian Soddu
(fondatore di www.westegg.it)

In uno dei tanti aforismi camuffati con modestia tra le splendide pagine de La grande sera, Giuseppe Pontiggia scrive: «Mario rifletté, guardandosi attorno, che spesso si dà il meglio quando non ci si crede, solo che non si deve credere neanche a questo, altrimenti non funziona». Riflettendo a mia volta, guardandomi attorno, giurerei che questa è l’esatta disposizione d’animo di una parte dei cinquemila aspiranti concorrenti a Masterpiece, il talent show per scrittori che mamma Rai partorirà quest’autunno. Ho parlato con molti di coloro che hanno inviato il proprio manoscritto, intenzionati a gettarsi nella mischia. L’atteggiamento di alcuni – giusto, verrebbe da dire – è simile a quello del Duca di Wellington alla vigilia di Waterloo: si clicca invio sulla mail con lo svolazzo svogliato di chi si sfila i guanti bianchi da ballo, dopo una notte spensierata, ché ora la pugna attende. Ho mandato il mio romanzo, ma non prendo la faccenda troppo sul serio, mi ha confidato dunque il Mario Rossi di turno. Questo, come il “Mario” di Pontiggia, come tutti i “Mario” del mondo, ha il buon senso inscritto nel suo nome rotondo. Ma il buon senso è un’arma a doppio filo, e l’aspirante romanziere già si chiede se saprà essere british anche nella battaglia. E se lo selezionano? Se si ritrova a far parte del cast del programma? Se e quando un Carlo Cracco senza parannanza e che ha letto l’Odissea gli frullerà la bozza del suo racconto in faccia, additando una prosa insipida, gridandogli di lasciar perdere la scrittura e mettersi a fare l’editor come fanno tutti… in quel momento, davanti alla telecamera, davanti agli altri concorrenti, compresa l’aspirante poetessa che era riuscito a sedurre alla terza puntata, lui, il Mario Rossi, continuerà a prenderla come un gioco? Questo non crederci pur credendoci ma per finta, quest’acrobazia dell’autocoscienza alla “io so che tu sai che io so” animerà forse anche i partecipanti a Melt-a-Plot – «il cinema che avresti sempre voluto vedere è quello che hai fatto tu!» –, iniziativa ugualmente targata Rai, stavolta rivolta agli aspiranti sceneggiatori. E non so, forse saranno appena più mordaci le folle immense che si rivolgono all’ormai vecchio selfpublishing (che altro c’è da dire al riguardo?) e alle sue piattaforme; ma ciò che si sa è che il faidate vince. Convince. Il faidate è la nuova, solida certezza cui tutti si rivolgono. La vecchia frontiera, un orizzonte bonario come una torta fatta in casa, che ancora ci sorride e soccorre. E però il faidate, diciamoci pure questo, quando oltrepassa il confine di bricolage o tumescenze puberali, è un credo che mescola un po’ troppo le carte. E dal faidate si passa al puoi-far-tutto-da-te: diritto inalienabile, frustrato da quanto di più antidemocratico esiste in natura, il talento. Oggi, sotto l’offensiva di pensieri autunnali, non è dato capire se la colpa sia tutta di Giovanni Muciaccia e del suo Art Attack, che già negli anni Novanta convinceva i bimbi di poter diventare De Chirico utilizzando un laccio di scarpa e un pomodoro spremuto.

Masterpiece

In realtà, ciò che di Masterpiece farà discutere sarà probabilmente l’aspetto più banale dell’intera faccenda: l’abbinamento – ritenuto ancora da molti “blasfemo” – tra l’esercizio della scrittura e lo show televisivo. Una polemica che, nel caso, sarà forse ingiusta, e per certi versi insensata. E non solo perché, al di là della trovata che c’è dietro, di libri e di scrittura è sempre meglio che si parli, ma anche perché questo strano futuro dietro le spalle che caratterizza il mondo editoriale, questa spinta al fai da te che provoca un po’ di capogiri, ha in realtà le sue salutari implicazioni. Chi scrive l’ha sperimentato, creando una forma ibrida di agenzia editoriale che la propria cella di collocazione, nell’alveare di agenti letterari, service editoriali e consulenti indipendenti che operano da sempre attorno all’editore, se l’ha praticamente inventata. Nell’ultimo anno, da quando nel settembre 2012 West Egg editing è nata, questo settore da magmatico è divenuto liquido, con moto ondoso in previsto aumento. Riuscire a lavorare con tantissimi autori a proporre in giro le loro opere con successo è stata finora la più felice conferma di quella logica del faidate che, però, può benissimo andare a braccetto con un stile personale, tradizionale, fatto anche di calcolate lentezze e di attenzione al rapporto umano con chi scrive, che è stata la nostra scelta fin dall’inizio. C’è spazio per tutto, più ancora che per tutti; e qualcuno di rimando sussurrerrà: «purtroppo»… e qualcun altro: «dove andremo a finire…», e c’è sempre chi, mentre scruta le classifiche del fine settimana sui giornali: «ah, se pubblica quella con le sue storielle erotiche, allora io..!». Be’, a noi che tutto sommato abbiamo il gusto per le anticaglie, che pur ci piace prendere ancora il caffè con la moka, sono da monito altre parole: «Non c’è come un consenso non condiviso dagli altri per isolare chi lo prova e indurlo a una reazione eccessiva, nel tentativo di vincere, oltre che i dubbi altrui, anche i propri». Ancora Pontiggia. E ancora La grande sera, amici telespettatori.

 

 

 

 

 

Tags:
masterpiecemasterpiece rai3scrittorieditoriaself-publishingwest egg editing
Loading...
in vetrina
Milenkovic, Inter sorpassa il Milan (con una cessione d'oro). Calciomercato

Milenkovic, Inter sorpassa il Milan (con una cessione d'oro). Calciomercato

i più visti
in evidenza
Flavia Vento torna nella casa Clamoroso, con lei entrano pure...

GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS. GREGORACI FUORI DI SENO. FOTO

Flavia Vento torna nella casa
Clamoroso, con lei entrano pure...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la 508 Sport Engineered ibrida plug-in da 360 CV

Peugeot presenta la 508 Sport Engineered ibrida plug-in da 360 CV


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.