A- A+
Culture

 

Roma, con Zingaretti si parla dei problemi del libro. Ecco cosa chiedono editori, TQ e "Più libri"...

Mentre a Milano, dopo Bookcity, si susseguono gli incontri promossi dall'assessore alla Cultura Stefano Boeri dedicati ai problemi della filiera editoriale, anche a Roma la politica comincia a interessarsi al mondo del libro. Nicola Zingaretti, candidato del centro-sinistra alla Regione Lazio, l'1 febbraio vedrà editori, scrittori, lettori, associazioni, gruppi... "Porremo l'attenzione sul tema degli sconti in libreria", anticipa ad Affaritaliani.it Daniela Di Sora, fondatrice della casa editrice Voland (che fa parte dei Mulini a Vento e di Odei). Mentre Del Giudice, direttore di "Più libri più liberi", ci spiega: "Nonostante le gravi difficoltà che vive il settore, la Fiera della piccola e media editoria ha confermato di essere un'ottima vetrina. In futuro vorremmo crescere ancora, ma per fare progetti a lungo termine c'è bisogno di certezze sul sostegno economico, e non solo, che la Regione intende offrirci". L'1 febbraio sarà presente anche TQ, e Christian Raimo chiederà "trasparenza e cogestione delle politiche culturali, oltre alla valorizzazione di quello che già avviene, dal basso, in modo indipendente e autorganizzato..." - Interviste e particolari

 

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

di Antonio Prudenzano
su Twitter: @PrudenzanoAnton

Andrea Palombi (direttore editoriale di Nutrimenti), all'incontro in programma venerdì tra il candidato del centro-sinistra alla Regione Lazio e il mondo del libro (i dettagli nel box a destra, ndr) lei interverrà a nome di ODEI, l’Osservatorio degli Editori Indipendenti costuitosi a fine 2012 (qui i particolari e il manifesto, ndr). Cosa chiederete a Nicola Zingaretti?
"A Zingaretti innanzitutto ricorderemo il quadro drammatico in cui gli editori indipendenti si trovano a lavorare oggi in Italia. E quanto sia importante garantire le condizioni minime di sopravvivenza di piccole e  medie case editrici, l’unico modo per garantire davvero, e non solo a parole, il pluralismo editoriale e culturale, in una parola molto di moda, la bibliodiversità. Lo ricorderemo per sottolineare che se la differenza è un valore, va difeso con strumenti molto concreti che proprio a livello regionale possono e devono essere resi disponibili. E perché vogliamo sapere se chi si candida a governare una regione come il Lazio, il territorio più ricco di editori indipendenti, è disponibile a ragionare insieme su cosa fare per un settore importante dal punto culturale, ma anche economico. A questo proposito domani avanzeremo tre richieste molto concrete a Zingaretti, chiedendogli l’impegno a sostenerle se sarà eletto presidente del Lazio".

Odei

Quanti editori finora hanno aderito all'Osservatorio? E quali sono le prossime iniziative a cui state pensando come ODEI?
"Attualmente l’Odei raccoglie circa 80 editori, ma molti altri hanno fatto domanda di adesione, tanto da rendere ormai necessaria anche una qualche formalizzazione per i nuovi ingressi. Proprio in questi giorni stiamo definendo una scheda di autocertificazione che sarà necessario compilare per entrare a far parte di Odei. Il grande numero di adesioni raccolte in pochissimo tempo in modo del tutto spontaneo e l’interesse suscitato testimoniano comunque nel modo più evidente quanto sia sentita e urgente la necessità di dare rappresentanza all’editoria indipendente. Le iniziative a cui stiamo pensando sono molte e spaziano un po’ in ogni settore della nostra attività. Da come dar vita a rapporti con le librerie indipendenti che possano rafforzare entrambi, alla proposta e al sostegno di una nuova legge per il libro nella prossima legislatura, fino alla realizzazione di reti d’impresa per realizzare possibili sinergie su logistica, stampa, acquisto carta, ecc. fra gli editori indipendenti". 

Il mercato librario negli ultimi mesi ha bruscamente rallentato, e non sono poche le case editrici (grandi e piccole) in difficoltà. La crisi sta "compattando" gli editori indipendenti?
"Sì, non c’è dubbio, la difficoltà di questo momento rappresenta una spinta fondamentale a pensare e realizzare strumenti comuni di difesa. La crisi del resto è evidente. Per la prima volta da qualche tempo il numero delle case editrici che cessa l’attività è superiore a quelle che nascono. E per la prima volta il libro non reagisce come un bene anticiclico, capace cioè di marciare controcorrente rispetto alla contrazione generale dei consumi. Veniamo da due anni con il segno 'meno', e per il momento non si intravedono punti di svolta nel 2013".

A Milano nei giorni scorsi è stato organizzato un teso incontro tra il Comune e i rappresentanti dei precari del libro (che sono nella "capitale dell'editoria" sono centinaia - qui il reportage di Affaritaliani.it). Il problema del precariato coinvolge anche gli editori indipendenti. Qual è la posizione dell'Osservatorio su questo tema?
"Il tema è delicato e ovviamente è legato a filo doppio allo stato di salute delle aziende editoriali, alle difficoltà finanziarie di questo momento (basti pensare al problema delle 'rese') e alle difficoltà di accesso al credito, un altro fronte su cui abbiamo intenzione di mobilitarci. Quello del precariato è sicuramente uno dei temi che affronteremo all’interno di Odei. Ovviamente si tratta di un terreno su cui ogni editore ha esperienze diverse. Per ora posso solo sottolineare che proprio l’incontro di Milano testimonia come il problema non sia certamente confinabile solo, e soprattutto, nelle piccole e medie imprese editoriali".

Tags:
osservatorio degli editori indipendentiodeieditori indipendentizingaretti



casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.