Desiati: "In Italia le scrittrici sono confinate in una sorta di riserva indiana..."

ESCLUSIVA/ "Su 'XY' di Sandro Veronesi la Fandango punta molto. Ammiro il suo coraggio: dopo aver vinto lo Strega con il precedente 'Caos Calmo' (edito da Bompiani, ndr), ha scelto di pubblicare con un editore indipendente". Mario Desiati, scrittore e direttore editoriale della Fandango Libri (che festeggia il decennale), rivela in anteprima ad Affaritaliani.it le novità in arrivo nel 2011 e per la prima volta parla del suo nuovo romanzo: "Racconterà la storia di una donna sola e 'diversa' in un paese del Salento. Uscirà l'anno prossimo per Mondadori. La polemica Mancuso-Mondadori? Non mi interessa...". E ancora: "Purtroppo in Italia le scrittrici vengono confinate in una sorta di riserva indiana, e ciò è imbarazzante dal mio punto di vista sia di editor sia di scrittore. E' appena capitato con Gilda Policastro. Da noi non si parla più dell'opera in sé degli scrittori. Il dibattito culturale si concentra quasi esclusivamente sul contorno, sul gossip”. Poi anticipa: "Nel 2011 pubblicherò il contesissimo esordiente Andrés Beltram. Oltre al nuovo libro di Filippo Timi, e ai romanzi d'esordio di Gaia Manzini ed Elena Varvello". E ancora: "Stimo Vendola e spero vinca le primarie. Io in politica? No, sono troppo vizioso...". L'INTERVISTA

Martedì, 26 ottobre 2010 - 09:08:00

AFFARITALIANI.IT INCONTRA GLI EDITOR DI NARRATIVA ITALIANA...

Antonio Franchini (editor degli italiani di Mondadori) si racconta a tutto campo con Affaritaliani.it e rivela: "Il nuovo libro di Paolo Giordano? Potrebbe arrivare nel 2011... La moda mediatica degli esordienti? Passerà..."

"La 'nuova' Avallone? Sarà Barbara Di Gregorio...". Michele Rossi (editor Rizzoli) a tutto campo con Affaritaliani.it

Cesari e Repetti (responsabili di Einaidi Stile Libero) ad Affaritaliani.it: "Nel futuro di Einaudi Stile Libero (anche) la teologa Veladiano...". E su Saviano e la concorrenza interna con la casa madre Einaudi...

"La nuova narrativa italiana di Einaudi? Contaminata...". Paola Gallo e Dalia Oggero si raccontano con Affaritaliani.it. E anticipano quali saranno gli esordienti in arrivo nel 2011. L'intervista alle due editor responsabili della narrativa italiana di Einaudi

Alice Di Stefano (editor responsabile degli italiani della Fazi) ad Affaritaliani.it: "Non sono raccomandata... E scrivo un libro sui difetti di mio marito Elido Fazi"

Lo scrittore & editor Mario Desiati ad Affaritaliani.it: "Vi racconto la collana di italiani ('Galleria', ndr) che curo per Fandango..."

Lo scrittore Nicola Lagioia racconta ad Affaritaliani.it la collana di culto 'Nichel' che cura per Minimum Fax

Jacopo De Michelis, editor della Marsilio, ad Affaritaliani.it: "La moda degli esordienti? Chi se ne lamenta è incoerente..."

Giulio Mozzi ad Affaritaliani.it: "Silvia Avallone? E' una scrittrice 'solida'... Il libro di D'Avenia? E' brutto..."

Con Alet gli "Iconoclasti" della nuova letteratura italiana. L'intervista di Affaritaliani.it a Giulia Belloni, la curatrice della nuova collana

Mario Bonaldi, editor degli italiani di Isbn, ad Affaritaliani.it: "Trovare scrittori italiani esordienti di qualità? Difficilissmo..."

Giulio Milani, (ri)fondatore, direttore ed editor di Transeuropa, ad Affaritaliani.it: "Cerchiamo di 'tradire creativamente' l'eredità di Pier Vittorio Tondelli. E sugli esordienti..."

Simone Caltabellota (ex direttore editoriale della Fazi, oggi a Elliot) ad Affaritaliani.it: "A lungo essere un editor ha bloccato il romanziere che è in me..."

Giacomo Papi (ex direttore editoriale Isbn, attuale consulente di Einaudi Stile Libero) ad Affaritaliani.it: "La letteratura italiana di oggi? Ambiziosa e autobiografica, dopo anni di minimalismo"

di Antonio Prudenzano

mario desiati
Desiati

Mario Desiati, 33enne direttore editoriale della Fandango Libri (carica che ricopre dal 2008) e apprezzato scrittore (tra i suoi libri più noti, “Vita precaria e amore eterno” – 2006 – e “Il paese delle spose infelici" – 2008 – entrambi editi da Mondadori) rivela in anteprima ad Affaritaliani.it le novità in arrivo nel 2011 in casa Fandango e, per la prima volta, parla del suo nuovo romanzo, a cui sta ancora lavorando, e che sarà pubblicato da Mondadori l’anno prossimo.

Desiati, la Fandango libri per festeggiare i suoi primi 10 anni si è fatta un regalo importante: “XY”, il nuovo libro di Sandro Veronesi, appena sbarcato in libreria…
“Su Sandro (Veronesi, ndr) naturalmente puntiamo moltissimo. Non a caso abbiamo distribuito 120mila copie. Lo apprezzo come scrittore, e ammiro il suo coraggio, visto che dopo aver vinto lo Strega con il precedente 'Caos Calmo' (edito da Bompiani, ndr), ha scelto di pubblicare con un editore indipendente come Fandango. Spero che i lettori lo premino anche per questo”.

sandro veronesi xy fandango

Il romanzo di Veronesi è stato preceduto da una lunga e innovativa campagna di marketing virale, che prosegue anche dopo l’uscita. Qual è il bilancio di quest’iniziativa che ha “sfruttato” il web e Facebook in particolare?
“Dal punto di vista della stampa la campagna è stata un successo, perché mi ha permesso di andare all’ultima Fiera di Francoforte con una rassegna pregressa che ha molto colpito gli editori stranieri. Ora bisognerà capire quando il web aiuterà le vendite del romanzo…”.

Veronesi a parte, com’è andata a Francoforte per la Fandango?
“C’è stata molta attenzione per il giallista napoletano Maurizio de Giovanni (nel frattempo accasatosi a Einaudi, ndr) e per Gilda Policastro”.

gilda policastro
Gilda Policastro

La sua casa editrice è da sempre molto attenta agli esordienti italiani. Com’è andata quest’anno?
“Abbiamo avuto due esordi importanti: quello di Emmanuele Bianco  (autore del romanzo 'Tiratori scelti') e quello di Gilda Policastro (autrice de 'Il Farmaco'), ben accolti da pubblico e critica. Nel caso della Policastro in alcuni casi ci si è soffermati più sul fatto che è un'autrice donna che sul suo libro...".

In che senso?
"Purtroppo in Italia le scrittrici vengono confinate in una sorta di riserva indiana da molti critici e giornalisti culturali, e ciò è abbastanza imbarazzante dal mio punto di vista sia di editor sia di scrittore. In generale da noi non si parla più dell'opera in sé degli scrittori. Il dibattito culturale si concentra quasi esclusivamente sul contorno, sul gossip, non sui libri”.

gaia manzini
Gaia Manzini
Nel 2011 su quali autori italiani punterete?
“La prima autrice italiana che pubblicheremo sarà Elena Varvello. Va premesso che sulla  narrativa italiana la Fandango sta facendo un lavoro che in Italia poche realtà editoriali propongono. Ci interessa seguire gli autori passo dopo passo, farli crescere, a differenza di molti editori che oggi cercano subito il  grande colpo. Mi spiego: ad esempio pubblichiamo prima la raccolta di racconti d'esordio, e  poi o continuiamo con i racconti o, come nel caso della Varvello, passiamo al  romanzo. Per lei si tratterà di un esordio nelle vesti di romanziere. Il suo sarà un  romanzo familiare, e parlerà di tradimento. Protagoniste sono due donne di generazioni molto diverse. Un libro non semplice, che nella struttura ricorda quelli di Elizabeth Strout. Nella seconda parte del 2011, sempre a proposito di autori da far crescere senza fretta, arriverà in libreria il secondo libro di Gaia Manzini, che ha esordito con 'Nudo di famiglia', una  raccolta di racconti. Il suo sarà un romanzo sulla scomparsa. Un percorso editoriale simile, quindi, quello della Varvello e della Manzini”.

L’anno prossimo pubblicherete anche esordienti?
“Sì. Ho appena firmato il contratto con un autore molto conteso, Andrés Beltrami. Il suo primo libro uscirà a marzo. Lui vive in Francia e ha scritto una storia potente sul tema dell'emigrazione”.

Filippo Timi
Timi

Sempre a proposito del 2011, quali saranno i titoli su cui punterete di più?
“A parte quelli già citati, a gennaio pubblicheremo un libro molto importante, ‘I bambini di Dio’ di Amoreena Winkler, che è stato un caso letterario in Francia. Mentre nella seconda parte dell'anno ci sarà il ritorno in libreria di Filippo Timi. Il bilancio della Fandango è positivo. In due anni abbiamo triplicato il fatturato, e l'anno prossimo pubblicheremo oltre 50 titoli”.

cosimo argentina
Argentina
Torniamo al presente. Da scrittore ed editor pugliese, è contento di portare in libreria tra qualche giorno il nuovo romanzo di Cosimo Argentina?
“Lui è uno scrittore che merita un’attenzione da parte della critica decisamente superiore rispetto a quella che finora gli è stata riservata. Argentina ha bisogno di un editore che creda in lui. E la Fandango sul suo nuovo romanzo ambientato a Taranto punta parecchio”. 

alessandro piperno
Piperno
Ultimamente quali libri di autori italiani l’hanno colpita di più?
“Ho appena finito il nuovo romanzo di Piperno e mi è molto piaciuto. E lo stesso discorso vale per Walter Siti. Per quanto riguarda gli esordienti, finora nel 2010 ho apprezzato le opere prime di Silvia Avallone e Antonella Lattanzi mentre, tra i piccoli editori, cito volentieri 'Belli di papillon' di Giuseppe Cristaldi, pubblicato da Besa, e 'Il figlio del figlio' di Marco Balzano, edito da Avagliano”.

vito mancuso
Mancuso
Finora abbiamo parlato dei libri degli altri. Veniamo al Desiati scrittore: sta lavorando al suo nuovo romanzo? Dopo la polemica a distanza della scorsa estate tra il teologo Mancuso e la Mondadori (Desiati, a differenza di molti altri autori Mondadori di generazioni diverse, non è intervenuto, ndr), lei continuerà a pubblicare per la casa editrice di Segrate?
“Quanto alla polemica Mancuso-Mondadori, non ho detto la mia semplicemente perché non mi interessava. Ho un contratto con la Mondadori e il mio nuovo romanzo, che consegnerò all’inizio del 2011, sarà pubblicato da Mondadori. Racconterà la storia di una donna sola in un paese del Salento, che potrebbe essere Tricase, vicino Lecce. La sua famiglia è emigrata in Svizzera per lavoro e negli anni Ottanta è tornata in Puglia. Il senso del romanzo è che essere 'diversi' in un paesino del Sud è più difficile che esserlo in un altro contesto socio-culturale. La protagonista ha quarant'anni ma decide di vivere come una ventenne. Intorno a sé trova una cittadina cambiata da quest'emigrazione al contrario”.

Vendola Obama

A proposito della sua Puglia, lei è tra gli intellettuali più vicini al Governatore pugliese Nichi Vendola. Cosa pensa della sua annunciata candidatura alle primarie del centro-sinistra?
“Mi auguro che le vinca. Certo, ho dei dubbi sull’esportabilità del 'modello Vendola' a livello nazionale… Sono rimasto affascinato dal ‘fenomeno Vendola’ osservando i ragazzi che seguono i suoi comizi. Sono convinto che non si possa sottovalutare il fatto che ci sia una generazione, in Puglia, che si è avvicinata alla politica proprio grazie a Vendola. Mi auguro che anche a livello nazionale accada la stessa cosa, ma non sarà facile...”.

La politica l’affascina? Le piacerebbe in futuro scendere in campo?
“Provo a cavarmela con una battuta: non potrò mai fare politica perché sono troppo vizioso e piuttosto ricattabile. Meglio continuare a scrivere romanzi e a lanciare esordienti…”.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA