A- A+
Culture

 

Un fonico lanciato sulla ribalta all’ultimo tuffo come assistente di un luminare della matematica, un agente pubblicitario che si fa in quattro per infilare lo spot di un profumo all’interno della trasmissione della Messa domenicale, una  soubrette con la spiccata tendenza a inginocchiarsi, un anziano operatore che svela l’agghiacciante, per quanto grottesco, retroscena della vicenda di Vermicino: sono solo alcuni dei mostri televisivi che, affiancati a personaggi di primo piano, anonimi ma facilmente riconoscibili,  vengono raccontati da Fausto Bertolini nel libro TELEBORDELLO – Storie da far rizzare l’antenna (Gilgamesh Edizioni).

Copertina TELEBORDELLO fron

Perché riparlarne proprio ora? Forse proprio per il suo essere un lavoro 'profetico'.

Tra aneddoti e considerazioni personali si anticipano infatti l'exploit di Grillo in politica e Francesco I, il Papa più televisivo della storia. L'autore, ispirandosi al metodo di Lacan, fa capire, attraverso una scrittura autoironica e a volte spiazzante, quanto il mezzo televisivo sia fondamentale alla società contemporanea, nonostante la Rete. Le conseguenze? Positive e negative...

fausto bertolini

"Anche Dio ha bisogno della televisione. Papa Francesco? Un eccellente comunicatore. E per capire la tv di oggi serve Lacan...". GUARDA LA VIDEOINTERVISTA A FAUSTO BERTOLINI

Così Bertolini racconta la “sua” televisione, con uno stile asciutto, brioso e senza peli sulla lingua, regalandoci un finale sbalorditivo che, al di là di ogni altra valutazione, coglie nel segno e resta impresso nella memoria per la sua capacità di rappresentare questi strani giorni. Il mondo della televisione, il più potente strumento del grande circo mediatico, raccontato in modo scanzonato e brioso dall’autore, un regista che per vent’anni ha operato per un’importante emittente televisiva, con un linguaggio corsivo e quotidiano, partendo dalle proprie esperienze lavorative o da quelle raccolte nel contesto televisivo di cui ha fatto parte. Un libro divertente e spregiudicato che rivela, in maniera umoristica e acuta, quello che succede dietro le telecamere, dove noti personaggi, più o meno identificabili, sono colti dall’autore nei loro pregi e nei loro difetti, ma sempre con un ammicco di simpatica comprensione. Attraverso capitoli brevi e scattanti l’autore descrive, con uno stile spigliato e di facile lettura, un mondo dove tutto viene consumato nel giro di una ripresa televisiva o nella programmazione di un palinsesto.

Fausto Bertolini nasce a Pegognaga (MN) nel 1944. Laurea in filosofia. Master in psicologia del profondo. Dopo i corsi di regia come auditore presso l’Accademia di arte drammatica del “Piccolo Teatro” di Milano, diretto da Giorgio Strehler, e presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, si dedica alla regia teatrale, televisiva e cinematografica. Ha diretto per la RAI diversi servizi e documentari. È stato assistente di Fellini (Il Casanova) e di Bertolucci (Novecento). Con Mursia ha pubblicato L’angelo sulla credenza e L’amor non è polenta. Con la Gilgamesh Edizioni ha pubblicato Negli occhi delle donne – Vita sentimentale di Cartesio.

Tags:
fausto bertolinigilgameshtelebordello
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.