A- A+
Culture
San Marino, nuovo Museo d’Arte Contemporanea
Enzo Mari, Dialogo tra Fidia, Galileo, Duchamp, i sette Nani, l’Idiota, 1986, Installazione polimaterica di 23 pezzi

di Raffaello Carabini

 

L’anniversario è di quelli che verranno festeggiati nel tempo a San Marino: siamo al decimo anno del riconoscimento da parte dell’Unesco di “patrimonio dell’umanità” per la repubblica del Monte Titano. E giustamente tutte le segreterie di stato (che equivalgono ai nostri ministeri) sono impegnate a celebrare l’evento con manifestazioni e proposte culturali.

La prima a essere messa in campo, ma il lavoro di preparazione si è protratto negli anni con una spesa conclusiva attorno ai 3 milioni e mezzo, è stata l’apertura del nuovo Museo d’Arte Contemporanea, nella ristrutturata architettura razionalista anni Trenta delle Logge dei Volontari. Vengono così offerte al pubblico una serie di opere – il piccolo stato ne possiede un migliaio, che saranno ruotate con regolarità negli spazi non amplissimi – finora inedite oppure pressoché dimenticate, perché “disperse” nei vari uffici e depositi.

“Vogliamo proporre una San Marino diversa da quella sempre più conosciuta per il suo patrimonio storico”, afferma Marco Podeschi, segretario per l’istruzione e la cultura. “Ci siamo perciò impegnati a catalogare e riunire il nostro patrimonio, che trae origine soprattutto dalle biennali d’arte che si svolsero qui tra il 1956 e il 1967, con curatori prestigiosi e artisti importanti provenienti da tutto il mondo. Inoltre proporremo alcune opere in altri contesti urbani e museali per permeare di contemporaneità artistica il tessuto sanmarinese.”

Il museo, curato e progettato in collaborazione con il MA*GA di Gallarate (VA), istituzione per molti versi, dalle dimensioni al bacino di utenza, analoga, propone tre grandi sale dove si ammirano alcune opere importanti e un percorso tra figurativo e astratto, tra arte e scienza, attraversando vari linguaggi sperimentali, punteggiato appena da significative presenze dei più importanti artisti locali di oggi: Marina Busignani Reffi, Walter Gasperoni, Gilberto Giovagnoli e Patrizia Taddei.

La collezione allinea opere di illustri italiani del 900, da Guttuso a Chia, da Vedova a Spagnulo (un’intrigante serie di carte, bozzetti e sculturine metalliche, abbozzi ideativi per la scenografia dell’opera Per Massimiliano Robespierre di Giacomo Manzoni, messa in scena a Bologna nel 1975), da Ontani a Cagli.

Concludono la visita il capolavoro concettuale Dialogo tra Fidia, Galileo, Duchamp, i sette nani, l’idiota, in cui Enzo Mari con saggia ironia sviluppa il confronto tra oggettivo e sacro, e la “segreta” Scala sacra, nei limitrofi locali universitari del seicentesco ex convento di Santa Chiara, perfetta sintesi di passato e presente realizzata da Enzo Cucchi nel 1987.

 

Tags:
san marino museo arte contemporaneamuseo arte contemporanea san marino
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.