A- A+
Culture
Lecce, dalle detenute una lezione di vita: così la filosofia entra in carcere

 

L’instancabile filosofa Ada Fiore, già sindaco di Corigliano d’Otranto, il "paese più filosofico d’Italia", e autrice di numerosi progetti per rendere la filosofia una scienza accessibile (come il “filosofo di salvataggio in spiaggia nell’estate 2017), torna con una nuova nuova idea. Ecco il laboratorio di filosofia per le donne “detenute comuni” del carcere di Lecce, da cui è nato anche un libro: "SONO LIBERADENTRO. Traffico di pensieri stupefacenti dal carcere di Borgo San Nicola di Lecce. Eserciziario per ogni stagioni della vita".

"Un "Traffico di pensieri stupefacenti" diventati "urla esistenziali di un genere", quello femminile, che ha bisogno d essere aiutato, sostenuto, difeso, nel suo tentativo di affermarsi in tutta la sua dignità - spiega Ada Fiore -. Un Traffico di pensieri stupefacenti, destinato a tutte quelle donne che vivono, consapevoli o inconsapevoli nelle celle della loro esistenza".

IL LIBRO - Francesca, Maria Grazia, Maria, Melany, Paola, Adriana, Maria  sono detenute comuni del carcere di Borgo San Nicola di Lecce e nella loro vita non hanno mai partecipato ad un laboratorio di filosofia. In realtà non conoscono nemmeno cosa sia la filosofia , ma ciò non è importante. Allinizio considerano il laboratorio unalternativa alla cella,  un modo come un altro per trascorrere quel maledetto tempo. Poi però, accettano di mettersi in gioco e provare a conoscersi meglio, o forse, di iniziare a conoscersi. Prima di questi incontri, non si erano mai parlate in questo modo Tutto ciò che sapevano luna dellaltra , era il cognome di ciascuna, il numero della cella, il motivo della loro reclusione. Quali fossero i loro sentimenti, che cosa provassero, come immaginavano il futuro, erano domande che mai avevano sfiorato i loro pensieri diventati gelidi come quei corridoi da attraversare per arrivare alla stanza destinata al mostro laboratorio. Da gennaio a maggio 2017, ogni martedì, per 2 ore, , si sono   raccontate e ascoltate, e tra lacrime e commozione  hanno  discusso di amore, amicizia, tempo e libertà.  Si  sono scambiati pensieri: hanno conosciuto quelli di   Platone, sant’Agostino, Aristotele;   hanno ricambiato  donando a tutti noi   i loro.  Un vero  “traffico di pensieri stupefacenti grazie ai quali cominciare a sentirsi per la prima volta #liberedentro.

Pensieri stupefacenti per la loro semplicità, per il loro essere puzzle di vita vissuta, frammenti di dolore, schegge di  desolazione.

Pensieri stupefacenti che  sono riusciti ad emergere nonostante la  tanta rabbia accumulata negli anni, e la rassegnazione ad una vita non più degna di essere chiamata tale.

Pensieri stupefacenti che sono diventati urla esistenziali di un genere, quello femminile, che ancora oggi ha bisogno di essere aiutato, sostenuto,difeso nel suo naturale tentativo di affermarsi in tutta la sua dignità.(Ada Fiore)

"SONO LIBERADENTRO" è un progetto nato all'interno del carcere di Borgo San Nicola di Lecce  e  rappresenta la prosecuzione di un laboratorio di filosofia realizzato nel corso dell'anno 2017, curato da Ada Fiore, responsabile scientifica di Industria filosofica.

Il laboratorio di filosofia è stato indirizzato alle donne “detenute comuni” ristrette nell’ istituto, e si è soffermato su quattro nuclei tematici: amore, amicizia, tempo, libertà.

Le detenute hanno letto alcuni testi filosofici appositamente selezionati, che sono diventati punto di riferimento per una riflessione sulle loro vite, sulle loro storie e drammi personali.

Il materiale raccolto in questi incontri è stato suddiviso in quattro parti (quattro argomenti corrispondenti alle quattro stagioni della vita: amore-primavera; estate-amicizia;tempo –autunno; inverno-libertà) e proposto in una piccola edizione sotto forma di eserciziario, destinato a tutte le donne che pur essendo libere, sono in realtà prigioniere della loro esistenza.

Ogni stagione occupa dieci pagine, in ognuna delle quali è possibile leggere una frase della detenuta accompagnata da un pensiero d'autore. A pie’ di pagina si trovano, invece, tre domande, strettamente legate al contenuto descritto e ispirate al racconto delle esperienze di ciascuna.

Rispondere a quelle domande significherà riflettere sulla propria esistenza, perchè

i pensieri delle detenute,  le loro  riflessioni, le loro   domande,  sono diventate uno strumento per  avviare un cammino verso una maggiore consapevolezza di sé.

L’eserciziario, inoltre,  contiene nel suo interno una cartolina con il destinatario già scritto: “Alle detenute del carcere di Borgo San Nicola.”

 Chiunque ne entrerà in possesso, potrà compilare quella cartolina rispondendo a scelta ad una delle domande  e la potrà  spedire,nel tentativo anche  di  costruire  “ponti di umanità” e “rompere i silenzi dell’anima”.

 

Ada Fiore e il paese più filosofico d'Italia? Ecco la videointervista che il direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino le fece nel 2013

ada fiore1Ada Fiore
 

 

 

Tags:
sono liberadentrodetenute carcere borgo san nicola
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.