A- A+
Culture
Vittorio Sermonti è morto: grazie a lui abbiamo riscoperto Dante

La cultura italiana perde uno dei suoi dantisti piu' illustri: Vittorio Sermonti si e' spento a 87 anni a Roma, dove era ricoverato da qualche giorno. Tre giorni fa sul suo profilo Twitter l'ultimo post: "cari amici, mi prendo qualche giorno di riposo. I vostri commenti mi faranno compagnia". La notizia della morte, avvenuta ieri sera ma comunicata dalla moglie questa mattina, e' stata confermata dall'ufficio stampa della Garzanti, la casa editrice con cui a marzo aveva pubblicato il suo ultimo romanzo: "Se avessero". Finalista all'ultima edizione del premio Strega, si era piazzato terzo e chi lo ha conosciuto ricorda che ha vissuto con grande ironia l'esperienza del premio letterario piu' discusso d'Italia. Nato a Roma nel 1929, aveva pubblicato molto giovane tre romanzi e solo nel 1989 era tornato alla narrativa, prima di un'altra pausa lunga 27 anni conclusa con 'Se avessero', sorta di 'testamento letterario'. E' stato anche attore, regista televisivo e teatrale.  

Tags:
vittorio sermonti mortomorto vittorio sermonti
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.