A- A+
Economia


 

 

mps

I pm imprimono una svolta nell'inchiesta Montepaschi, fermando per pericolo di fuga l'ex capo dell'area finanza Gianluca Baldassarri, dominus delle operazioni in derivati che hanno coinvolto l'istituto senese. Banchiere che, secondo alcune testimonianze, sarebbe il coordinatore della "Banda del 5%"  Il fermo giudiziario dovrà ora essere convalidato dalla magistratura.

Secondo i pm, Baldassarri si stava preparando a fuggire a Londra e al momento del fermo aveva addosso 30 mila euro.

I reati contestati a Baldassarri sono infatti quelli di truffa connessi a profitti illeciti ricavati dalle commissioni e associazione a delinquere.  I pm senesi gli contestano anche il "concorso nel delitto di ostacolo alle funzioni di vigilanza della Banca d'Italia in relazione all'occultamento di un contratto, rinvenuto il 10 ottobre 2012, all'interno di una cassaforte dell'istituto di credito senese, relativo ad una rilevante operazione finanziaria di Banca Mps avvenuta nel 2009". Contestualmente, la Guardia di Finanza ha avviato delle perquisizioni nell'abitazione di Baldassarri.

Il procuratore di Siena Tito Salerno ha reso anche noto che Baldassarri aveva chiesto lo smobilizzo di titoli Mps per oltre un milione di euro. Mossa che avrebbe spinto i pm a procedere con il decreto di fermo, deciso in base all'articolo 384 del codice penale "ricorrendo il pericolo concerto di fuga evidenziato tra l'altro dalla richiesta di smobilizzo dei titoli per un controvalore superiore al milione di euro effettuata in data successiva al sequestro eseguito il 7 febbraio 2013".

Secondo i magistrati che sabato ascolteranno per la prima volta l'ex presidente del Monte Giuseppe Mussari, Baldassarri nella sua qualità di capo area finanza avrebbe svolto una serie di operazioni non a favore della banca ma per trarne, sostiene l'accusa, dei profitti personali. A Baldassarri, al suo vice e ad altre quattro persone farebbero capo i 40 milioni di euro "scudati" sequestrati alcuni giorni fa dalla Guardia di Finanza.

Il maggiore accusatore di Baldassarri è Antonio Rizzo, un operatore finanziario che ha lavorato in passato con Dresdner Bank, istituto che ha preso parte al confezionamento dei complessi prodotti finanziari, e che ha raccontato che ""Baldassarri faceva parte della Banda del 5%" sostenendo che insieme al suo ex vice, Alessandro Toccafondi, avrebbe fatto la cresta su operazioni milionarie per conto di Mps.

Insieme a Baldassarri, anche all'ex presidente di Monte Paschi, Giuseppe Mussari, e all'ex direttore generale della banca, Antonio Vigni,  è stato contestato in concorso il reato di ostacolo alle funzioni di vigilanza della Banca d'Italia relativamente
 

 

 

Tags:
mpsbaldassarrigdf

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.