A- A+
Economia

di Pasquale Della Torca

Al punto 1) dell’Agenda leggiamo il riferimento allo “sviluppo sociale del continente (europeo n.d.a.) secondo il modello dell’economia sociale di mercato”.

L’ economia sociale di mercato è una teoria economica e sociale che va inquadrata nel liberalismo moderno continentale.

Mario Monti e Franco Bassanini scrissero la prefazione all’edizione italiana del famoso Rapporto Attali. Tale rapporto fu il risultato di una commissione (Commissione Attali) voluta dall’ex Presidente francese Sarkhozy per il rilancio della politica economica francese. Se ne parlò molto anche in Italia e fu un documento molto apprezzato.

In un articolo pubblicato su Panorama.it del 2008 leggevamo: “Vediamoli, però, i risultati che il Paese d'Oltralpe (ma verrebbe da dire qualsiasi Paese europeo affetto dalla sindrome del declino) potrebbe raggiungere se decidesse di adottare i consigli liberalizzanti degli esperti consultati (i quali, va però detto, non sono chiamati a tener conto degli umori elettorali): un punto in più di crescita all'anno, calo del tasso di disoccupazione da 7,9% a 5%, costruzione di due milioni di case, crollo di due terzi della disoccupazione giovanile, attualmente assestata al 22%. E ancora: riduzione del numero dei cittadini poveri in Francia da 7 a 3 milioni, incremento del 10% del numero di parlamentari di origini maghrebine o africane, riduzione di un anno del divario esistente nelle aspettative di vita tra i più abbienti e i più poveri... E ancora: creazione di 10 mila nuove imprese nei quartieri popolari e nelle banlieue, permanenza sul lavoro di un senior su due (oggi su tre) fino al momento della pensione, generalizzazione dell'accesso a banda larga, riduzione del debito pubblico al 50% del Pil...”.

La situazione in cui versa l’Europa è la risposta a quel libro dei sogni. i sostenitori dell'economia sociale di mercato furono critici tanto della concentrazione del potere economico e politico, dello sfrenato antagonismo e dell'esasperata frammentazione degli interessi.

Su Treccani.it leggiamo un articolo di Vera Zamagni titolato: “Passato e futuro dell’economia sociale di mercato”. “L’economia di mercato era nata ‘sociale’ nelle città libere del medioevo italiano, dove la mercatura, l’artigianato specializzato delle corporazioni e le professioni – giuristi, notai, architetti, agrimensori, contabili – erano chiamati a finanziare le opere di sostegno di chi, per i motivi più vari, era tagliato fuori dal lavoro produttivo (ospedali, Monti di Pietà, conservatori, congregazioni), insieme con i beni pubblici e con le istituzioni religiose. 

Si trattava di una struttura triadica (produzione, regolazione, welfare), capace di realizzare quello che veniva riconosciuto come ‘bene comune’. Con i rivolgimenti apportati nel mondo dal capitalismo da un lato e dalla nascita delle nazioni dall’altro lato, la società si polarizzò in una struttura diadica: la produzione in mano a capitalisti che non riconoscevano altra responsabilità che quella di investire per aumentare la produttività, e regolazione e welfare in mano allo stato, che cercava di temperare le diseguaglianze generate dal modo capitalistico di organizzazione della produzione e lo faceva per ragioni di equità, ma anche di sostenibilità economica dello sviluppo. Il welfare state fu il modo più perfezionato per mettere in pratica da parte dello stato tale ruolo ‘riequilibratore’, un modo che ha visto la sua stagione più fortunata nell’‘età dell’oro’ seguita alla Seconda guerra mondiale.

Ma tale struttura diadica della società non è stata apprezzata da tutti nemmeno nella sua epoca migliore.

È stata – come è noto – fortemente contestata dal marxismo, che non riteneva coerente da parte dello stato intervenire solo ex post, proponendo di cambiare anche il modo di produzione, ma commettendo un errore fatale: quello di identificare il mercato col capitalismo. Per abbattere il capitalismo, il marxismo ha ritenuto dunque di eliminare il mercato, ma non ci può essere struttura economica avanzata senza mercato e dunque la soluzione marxista è fallita.

La struttura diadica è stata contestata anche dai sindacati, che tuttavia solo in pochi luoghi sono veramente riusciti a scalfirla in qualche modo: l’esempio migliore è la compartecipazione alle decisioni strategiche delle imprese da parte dei rappresentanti sindacali che si è realizzata in Germania con la Mitbestimmung. Si noti che è proprio a questa soluzione alla tedesca che si applica solitamente l’espressione ‘economia sociale di mercato’. Ma anche questa è una soluzione parziale, perché lascia intatto il meccanismo capitalistico della distribuzione del sovrappiù generato dall’attività produttiva a favore dei soli detentori di capitale, sia pur con una attenzione maggiore a remunerare il lavoro.

La struttura diadica è stata inoltre contestata dalle cooperative e dalle imprese non profit, che sono state capaci di dimostrare che si può fare impresa con una sensibilità intrinsecamente sociale, ma che non hanno finora raggiunto una massa critica, anche perché spesso sono state deficitarie sul lato dell’efficienza.

Si tratta in questo caso di una ripresa del concetto originario di economia sociale di mercato: un’economia, cioè, che ridiventa triadica, in quanto allo stato viene lasciato il compito di regolatore (e anche in larga misura di finanziatore, attraverso la tassazione), ma il welfare viene rimesso nelle mani della società civile, che può decidere di abbassare fino a eliminarla la tensione fra produzione e welfare. Infatti, quanto più il welfare viene vissuto come ‘risarcitorio’ dei danni provocati da un settore produttivo che si preoccupa solo dell’efficienza, tanto più il risultato per il cittadino sarà nullo (o persistentemente negativo): nel migliore dei casi, gli viene ridato dal welfare ciò che gli è stato tolto dalla struttura produttiva.

Per avere un welfare ‘addizionale’ e non meramente risarcitorio, occorre riresponsabilizzare la società civile, ciò che sta propriamente avvenendo: le imprese for profit si allenano a esercitare la ‘responsabilità sociale’, mentre le imprese non profit si allenano a esercitare l’efficienza. Su tutti e due i fronti si ha un occhio diretto alla sostenibilità del sistema.

L’‘economia sociale di mercato’ avrà ancora un brillante futuro, perché l’economia è per l’uomo, non l’uomo per l’economia, ma tale futuro non sarà nelle mani dello stato”.

Questo scritto ci aiuta a comprendere come il riferimento di Monti all’economia sociale di mercato e la sua azione di governo siano fortemente contrastanti. Il riferimento pertanto all’economia sociale di mercato da parte di Monti è fumo negli occhi, e puramente demagogico.

E’ inoltre demagogico il richiamo a “un’Europa più democratica e meno distante dai cittadini”, che stride non poco con l’Europa e il governo da lui praticati. Come i desiderata populistici a seguito delle elezioni europee del prossimo 2014. Su questo frangente il professore auspica che il prossimo parlamento europeo abbia un mandato costituzionale! Tra i suoi desiderata: rifiuto del populismo (sic!), dell’intolleranza, superamento dei pregiudizi nazionalistici (lo dica alla Germania), lotta alla xenofobia, antisemitismo e discriminazioni varie; peccato manchi il richiamo alle comuni radici cristiane e agli impegni per la de-burocratizzazione della macchina comunitaria europea che tantissimo costa ai cittadini.

Seguono banalità.

Tags:
montiagenda monti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.