A- A+
Economia
La moneta virtuale esce dalla rete: i bitcoin hanno il loro bancomat

Canada, Finlandia e, adesso, Stati Uniti. I bitcoin non si stanno facendo spazio solo in rete, ma arrivano anche nella vita in tre dimensioni. La società Robocoin ha inaugurato i primi bancomat per moneta virtuale degli Usa. Si parte da Seattle e Austin. Ma l'obiettivo è espandere il business anche ad Asia ed Europa.

L'aspetto dei "bit-comat" è simile a quello che siamo abituati a vedere davanti alle banche. Serve avre un conto bitcoin e identificarsi con il palmo della mano. Il nodo principale è proprio la sicurezza, online come al bancomat. Lo scambio anonimo è un pericolo. Così come l'accesso agli account. L'altro produttore di bitcomat, Lamassu, ha assicurato che "i clienti sono perfettamente tracciabili".

L'altro problema è legato alle eccessive fluttuazioni del valore dei bitcoin. La volatilità è tale che alcuni osservatori hanno definito i nuovi Atm più delle macchine per scommettere che per prelevare (cripto)monete. 

 

Tags:
bancomatbitcoinmoneta virtualeatm

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.