A- A+
Economia
barclays bank

Si scrive ristrutturazione. Si legge "tagli". Sono molte le banche costrette a una massiccia spending review, ma quella della britannica Barclays è davvero monstre: riduzione dei costi per 2 miliardi di sterline (2,36 miliardi di euro, pari a un decimo del totale) e 2 mila posti di lavoro in meno.

La sforbiciata, sulla quale pesano le sanzioni per lo scandalo Libor, coinvolge soprattutto l'attività bancaria in Asia, ma non è esclusa l'Europa, a partire prorpio dall'Italia. Un intervento che i vertici hanno definito "chirurgico e non da macelleria".

I piani sono stati svelati dal direttore generale Antony Jenkins. Tra le divisioni maggiormente colpite, c'è quella sulle materie prime alimentari, abbandonate, sostiene Barclays, per "motivi etici". L'intervento sull'istituto sarà massiccio e non si limiterà ai soli tagli: a breve potrebbe essere necessario un aumento di capitale da 9 miliardi di dollari per rientrare nei parametri bancari britannici.

Viste le operazioni poco trasparenti legate alla manipolazione del Libor, Jenkins sta tentando di riacquistare la reputazione perduta. Lo ha fatto rinunciando a tutti i bonus del 2012. D'altronde per Barclays era impossibile ignorare una multa da 450 milioni di dollari. Sommando le sanzioni comminate a Ubs ed Rbs, lo scandalo Libor è costato complessivamente 2,58 milioni di dollari, tradotti in "ristrutturazioni" che significano migliaia di posti di lavoro in meno.

 

Tags:
barclaysbanchetagli
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.