A- A+
Economia

L'emissione della prima tranche del nuovo Btp a 15 anni è stata pari a 6 miliardi di euro a fronte di ordini per 11 miliardi.  Lo comunica il ministero dell'Economia precisando che il nuovo titolo ha scadenza 1 settembre 2028, godimento 22 gennaio 2013 e tasso annuo 4,75%, pagato in due cedole semestrali. Il regolamento dell'operazione è fissato per il 22 gennaio. Il titolo e' stato collocato al prezzo di 100,017, corrispondente a un rendimento lordo annuo all'emissione del 4,805%.

Gli investitori che hanno puntato sui Btp a 15 sono stati circa 250. Lo comunica il ministero dell'Economia, sottolineando che il titolo e' stato assegnato ad asset manager e fondi d'investimento circa il 35% dell'emissione, mentre le banche si sono aggiudicate oltre il 26% dell'ammontare complessivo. Quasi il 30% e' stato collocato presso investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo (fondi pensione e assicurazioni circa il 19%, banche centrali/istituzioni governative il 10%), mentre la quota sottoscritta da hedge fund e' stata pari all'8%.

Il collocamento del titolo ha visto un'elevata partecipazione di investitori italiani, che si sono aggiudicati poco meno del 40% dell'emissione. Molto rilevante e' stata anche la quota sottoscritta da investitori residenti in Gran Bretagna (29%). Il resto dell'emissione e' stata collocata in larga parte in Europa, in particolare in Germania (quasi il 9%), in Francia (8%), nei paesi scandinavi ed in Benelux (5%). Significativa la partecipazione di investitori statunitensi che si sono aggiudicati oltre il 6% dell'emissione a fronte di una richiesta pari quasi all'11% della domanda totale. Da notare come circa l'1% dell'emissione sia stata assegnata ad investitori residenti nel Medio Oriente. Il collocamento e' stato effettuato tramite la costituzione di un sindacato composto da Banca Imi, Barclays Bank, Credit Agricole, Goldman Sachs, Jp Morgan Securities che hanno partecipato in veste di lead managers, mentre tutti gli altri specialisti in titoli di Stato sono stati co-lead managers dell'operazione.

Tags:
btptitoli di statoitalia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.