A- A+
Economia

La Borsa di Milano dopo una giornata di alti e bassi chiude la prima giornata di contrattazioni della settimana con il Ftse Mib che guadagna lo 0,44%. Deboli gli altri listini europei. Gli investitori restano in apprensione per le tensioni tra Casa Bianca e Congresso sull'innalzamento del tetto del debito e per le previsioni di un rallentamento della crescita tedesca. Lo spread tra Btp e Bund decennali risale a 269 punti base.

Quella italiana è l'unica piazza europea a chiudere oltre la parità. Francoforte è la peggiore. L'impatto positivo dell'ulteriore allentamento monetario promesso dalla Bank of Japan e' annullato dal rallentamento dell'economia tedesca e dalle tensioni tra Casa Bianca e Congresso sull'innalzamento del tetto del debito Usa. Negativa Wall Street. A Parigi il Cac 40 scende dello 0,29% a 3.697,35 punti, a Londra l'indice Ftse 100 avanza dello 0,15% a 6.117,31 punti. Giù dello 0,69% il Dax di Francoforte a 7.675,91 punti e arretra dello 0,36% Madrid. Atene perde l'1,85%. Il positivo esito del collocamento di titoli di Stato iberici viene controbilanciato dall'avvertimento di Fitch, che ha minacciato un declassamento.

Tags:
borse

i più visti

casa, immobiliare
motori
Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico

Parte a Empoli Mobilize Share, il nuovo servizio pubblico 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.