A- A+
Economia
Cancro causato dal talco, Johnson&Johnson paga 700 mln per chiudere le cause
(foto Ipa)

Johnson&Johnson paga 700 mln per chiudere le cause sul talco a base di amianto

Il colosso farmaceutico e cosmetico statunitense Johnson & Johnson ha accettato di pagare 700 milioni di dollari per risolvere le accuse di aver ingannato i clienti sulla sicurezza dei suoi prodotti in polvere a base di talco, ha annunciato il procuratore generale di New York.

Nel suo accordo con 42 stati Usa e il Distretto di Columbia, Johnson & Johnson non ha ammesso alcun illecito anche se ha ritirato il prodotto dal mercato nordamericano nel 2020. L'azienda con sede nel New Jersey aveva annunciato un accordo di principio a gennaio dopo aver affrontato migliaia di cause legali per talco contenente tracce di amianto ritenuto causa di cancro alle ovaie.

LEGGI ANCHE: Il talco provoca il cancro, Johnson&Johnson paga 6,5 miliardi di risarcimento

"Nessuna somma di denaro può annullare il dolore causato dai prodotti a base di talco di Johnson & Johnson, ma oggi le famiglie possono essere certe che l'azienda è ritenuta responsabile per il danno causato", ha dichiarato in una nota il procuratore generale Letitia James. Lo Stato di New York riceverà 44 milioni di dollari dell'importo della transazione, che dovrà essere pagato in quattro rate nell'arco di tre anni.






in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.