New media/ “La comunicazione aziendale sarà sempre più multicanale, interattiva e coinvolgente. Quanto al ruolo del video…”. L’intervista a Paola Dubini docente di Strategia della Bocconi

Lunedì, 15 febbraio 2010 - 08:00:00

Di Nicole Cavazzuti

paola dubini
Paola Dubini
Il futuro della comunicazione aziendale è tutto nel segno della multicanalità e della interattività. Lo rileva una ricerca promossa da Adobe Systems Italia e realizzata dal Centro ASK dell’Università Bocconi, con il coordinamento delle professoresse Maria Rita Micheli e Paola Dubini. Che fa il punto della situazione con Affaritaliani.it. E osserva: “Oggi più del 70% delle aziende intervistate investe sui nuovi media. E la percentuale è destinata a crescere. La comunicazione multicanale permette di coinvolgere l’utente e di conseguenza di raggiungere obiettivi di mercato ed economici”.

Come è stato individuato il campione della ricerca e da quante imprese è composto?
“Per prima cosa abbiamo selezionato dal database AIDA 1000 aziende dei comparti manifatturiero e dei servizi, con un occhio di riguardo per le imprese di grandi dimensioni operanti in settori caratterizzati da significativi investimenti in comunicazione esterna ed escludendo invece le aziende operanti nei media tradizionali e digitali. Poi abbiamo intervistato 20 manager di aziende impegnate da tempo in attività di comunicazione multicanale, infine è stato redatto un questionario online e telefonico di una trentina di domande. In tutto abbiamo ricevuto 302 questionari, relativi a 287 imprese, che sono la base empirica di questa ricerca”.

Quante delle aziende intervistate investono in nuovi media?
“Oltre il 70%. E la percentuale è destinata a crescere”.

Quali sono le potenzialità della comunicazione multicanale?
“Permette di coinvolgere l’utente ed è quindi strumentale al raggiungimento di obiettivi di mercato ed economici. Al contrario, usare i nuovi media solo per rafforzare l’immagine dell’azienda è una concezione antiquata. Inoltre consente la diffusione del contenuto in modo virale tra gli utenti”.

Qual è il contenuto più facilmente condivisibile tra gli utenti del web?
“Il video. Non a caso oggi per oltre il 70% delle aziende rappresenta il cuore della propria strategia, finalizzata soprattutto all’interattività. Il video permette di incrementare l’effetto aggregativo delle comunities”.

In che modo le aziende possono coinvolgere gli utenti?
“Non esiste una strategia valida per tutti. C’è chi punta sul dialogo: in questo caso l’azienda fornisce all’utente la possibilità di esprimere la propria opinione, commentare e condividere i propri contenuti. E c’è chi offre la possibilità di personalizzare i messaggi e le proposte. Infine alcune imprese puntano sull’autonomia e la libertà dell’utente, che può utilizzare motori di ricerca sempre più semplici e pensati ad hoc per ogni singola esigenza".

0 mi piace, 0 non mi piace



Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA