A- A+
Economia

di Claudio Gandini

Quale potrà essere il futuro prossimo di questo Paese? Le voci si rincorrono, la fiducia ritorna, il cammino sembra meno incerto. Inutile nascondersi che il futuro è nelle mani degli imprenditori, che tornano a scommettere, che di nuovo investono, che si aprono ai mercati, che provano a superare i propri limiti, guardando alla complessità del mondo, nella certezza di essere portatori di valori. Andare sul mercato significa accettare la concorrenza, perché il mercato è libero. Significa avere la consapevolezza di essere da sempre così bravi, che nessuno in termini di storia personale, vissuto familiare o imprenditoriale, tradizione, intelligenza, tecnologia, ricerca, può essere superiore. Non è arroganza.

E' storia di un Paese consapevole che quello che viene fatto o prodotto qui spesso non ha eguali. Se il libero mercato è il cardine di chi fa impresa, occorre però che la concorrenza sia leale, cioè fondata su uguale impegno in termini di investimenti, ricerca, sviluppo. Molto spesso l'imprenditore avverte che così non è.
Non stiamo parlando della contraffazione, che pure esiste e contro cui sembrano esistere strumenti giuridici efficaci. Stiamo parlando della concorrenza sleale, che l'imprenditore avverte, si potrebbe dire sulla propria pelle, in relazione alla quale si sente privo di strumenti di difesa.
Così non è.
Una recente sentenza della Corte Suprema di Cassazione ha riconosciuto la concorrenza sleale nell'acquisizione tramite storno di dipendenti di notizie riservate di un'impresa concorrente.
In particolare, a seguito della trasmigrazione di un dipendente, un'impresa dolciaria, operante sul territorio dell'Unione europea aveva acquisito informazioni riservate su prodotti, fornitori, metodi di lavoro. Ricerche condotte in Germania avevano consentito di rinvenire prodotti del tutto simili a quelli dell'impresa italiana dalla quale proveniva il dipendente stornato.

Occorre qui ampliare il discorso sulla concorrenza sleale: com'è noto agli imprenditori essa riguarda la concorrenza fra imprese in un ambito territoriale potenzialmente comune.
E' evidente che deve essere dimostrata la volontà di recare danno all'azienda del concorrente, ma, a mio giudizio, la sensibilità degli imprenditori è facilmente in grado di verificare questo.
Le lamentele degli imprenditori non sono pretestuose. Quella che deve essere loro offerta è la possibilità di verificare se le loro intuizioni possono trovare ascolto e difesa.
La legge cautela l'imprenditore dalla concorrenza sleale.

Lo fa con l'articolo 2598 del codice civile, che offre la possibilità di difendersi, non solo dall'imprenditore concorrente, ma anche da chi lavorando nell'azienda in modo stabile o occasionale, abbia tenuto comportamenti o abbia compiuto atti a vantaggio di altro imprenditore, per istigazione o incarico dello stesso.
La legge difende anche da chi metta in atto uno storno di dipendenti, che è cosa diversa dalla semplice assunzione di dipendenti da parte di un concorrente, di per sé legittima.
Quello che è illecito, infatti, è il fatto che un imprenditore concorrente si proponga, attraverso il passaggio di dipendenti, di vanificare lo sforzo di investimento del suo antagonista.
Il diffuso malessere nei confronti della giustizia, porta a rinunciare in partenza alla salvaguardia dei propri diritti. Questo è un passaggio pericoloso; nessuno vuole qui invitare ad inutili battaglie. Certamente, però, un Paese cresce, se si rispettano le regole.
Un'azione di contrasto nei confronti della concorrenza sleale è possibile in vari modi: in primo luogo, individuando con certezza se in termini di diritto esistono effettive lesioni che potrebbero essere portate davanti all'autorità giudiziaria. In secondo luogo, affidando ad un avvocato di fiducia la gestione di un'azione volta a salvaguardare con fermezza, rifacendosi alla giurisprudenza, i diritti lesi, provando in questo modo a portare alla luce e fermare i comportamenti scorretti dell'altra impresa.
Solo successivamente si adirà l'autorità giudiziaria.
Deve forse nascere un diverso rapporto tra imprenditore e consulenti giuridici, sempre più necessario nella fase di progettazione e nella fase di espansione di un'impresa.
E' innegabile che la crisi in atto, come ha costretto le imprese a uscire da sé per diventare migliori, ha costretto e costringe i professionisti a riflessioni profonde sul loro ruolo e la loro importanza.

Tags:
concorrenza sleale
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.