A- A+
Economia

Vittorio Cecchi Gori è stato condannato a sei anni di reclusione per il crack della società Safin Cinematografica. I giudici della I sezione penale del tribunale di Roma hanno anche disposto un rimborso provvisionale da 11,5 milioni di euro. Il pm Stefano Rocco Fava aveva chiesto per il produttore la pena di sette anni.

I giudici hanno riconosciuto la colpevolezza anche di altri cinque imputati mentre è stata assolta una sola persona.Il collegio, con presidente Giuseppe Mezzofiore, ha dato cinque anni di reclusione a Luigi Barone, collaboratore di Cecchi Gori; Edoardo De Memme, liquidatore della società ha avuto tre anni.

Mentre quattro anni e sei mesi sono stati dati a Giorgio Ghini, ex presidente del collegio sindacale della Safin. Tre anni e mezzo sono stati inflitti a Vittorio Micocci e Alessandro Mattioli, ex componenti del collegio sindacale della Safin. Ettore Parlato, invece, è stato l'unico assolto. Il tribunale ha anche stabilito la confisca del capitale sociale delle società 'Cecchi Gori, cinema e spettacolo' e "New Fair Film" e confermato il sequestro delle quote delle aziende "Adriano Entertainment" e "Vip 1997".

I reati contestati, a seconda delle singole posizioni, sono: bancarotta per distrazione o dissipazione, omesso controllo sulla gestione della società. Il fallimento della Safin ammontava a 24 milioni di euro. Secondo gli inquirenti sarebbe stato spostato il patrimonio nelle casse di altre società.

Tags:
safincecchi gori

i più visti

casa, immobiliare
motori
Con Citroen Ami alla scoperta di Monza

Con Citroen Ami alla scoperta di Monza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.