A- A+
Economia
Credit Suisse, i banchieri elvetici hanno aiutato gli evasori Usa. Multa di 2,6 miliardi

La borsa di Zurigo non ha battuto ciglio. Strano, perché la multa che il Credit Suisse dovrà pagare al severo fisco americano è l'ammenda più alta inflitta ai danni di un istituto bancario, dopo quella comminata a UBS che nel 2009 aveva accettato una multa di 780 milioni di dollari per fatti analoghi, senza tuttavia dichiararsi colpevole.

Così la banca elvetica ha ammesso di avere aiutato ricchi clienti americani della banca ad evadere le tasse a stelle e strisce (un rapporto del Senato Usa accusa la banca di aver aiutato nel 2006 oltre 22 mila contribuenti), accettando di pagare, secondo quanto ha annunciato il ministro della Giustizia Usa Eric Holder, un’ammenda di 2,6 miliardi di dollari alle autorità statunitensi.

La cifra appare allineata alle attese (2,5 miliardi di dollari) ed in base agli accordi verrà divisa tra lo stesso Dipartimento di Giustizia, cui spetteranno 1,7 miliardi di dollari, il Dipartimento Servizi Finanziari di New York (cui andranno 715 milioni) e la Federal Reserve (che incasserà 100 milioni). Secondo Holder, la vicenda ha coinvolto “centinaia” fra dipendenti e manager del gruppo elvetico.

Come fatto trapelare dal Wall Street Journal lunedì pomeriggio, l'accordo non costerà il posto al Ceo Brady Dougan, o al presidente del CdA Urs Rohner. Grazie al patteggiamento, Credit Suisse potrà continuare a operare negli Stati Uniti senza revoca della licenza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
credit-suisse-usa
i più visti
in evidenza
Affari continua a salire Ad agosto crescita del 40%

Dati audiweb

Affari continua a salire
Ad agosto crescita del 40%


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.