A- A+
Economia

 

bandiera svizzera


Incredibile a dirsi, visto che la Svizzera è incastonata nel centro dell'Europa, il Vecchio Continente, il cui dinamismo economico è stato congelato negli ultimi anni dalla recessione. Eppure secondo uno studio della rete globale di revisione RSM, tra il 2007 e il 2011 la crisi che ha colpito il mondo occidentale sembra aver risparmiato la Svizzera, Paese  che ha continuato a creare business ad un ritmo costante. Tasso che invece è rallentato o si è addirittura fermato in altri Paesi sviluppati. Tra il 2007 e il 2011, il numero di aziende in Svizzera è aumentato da 499.000 a 648.000, uno dei tassi più alti nell'area Ocse: +149.000 unità, pari ad un tasso di crescita medio annuo del 6,8%.

Questa fioritura di aziende sul territorio svizzero si spiega con due tipi di crescita. Il primo: uno sviluppo organico maggiore, grazie all'innovazione e a programmi promossi dalle università e dai politecnici federali di Losanna e Zurigo. Il secondo: gli insediamenti di gruppi esteri, in particolare nella regione del Lago di Ginevra, di Zurigo e di Zugo. Tra i paesi occidentali, solo la Francia ha registrato una forte crescita del numero delle imprese tra il 2007 e il 2011. L'area del Reno, in Germania, regione famosa per la densità della rete di piccole e medie imprese che costituiscono l'idotto di grandi gruppi industriali, ha un saldo positivo di start-up di 75.000 nello stesso periodo, con un tasso medio annuo di crescita dello 0,6%.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti con 313 milioni di abitanti hanno registrato solo 95.000 nuove aziende nette (incremento annuo dello 0,3%). Per ritrovare ritmi di crescita come la dinamica Svizzera, è necessario spostarsi ad Est: in Albania (8% annuo) e a Cipro (8,4% per anno). Ma la crisi del debito che ha colpito Cipro negli ultimi mesi ha indebolito questi risultati.

Ad Estremo Oriente, Hong Kong, seguito dalla Cina ( 6,9%), supera il Paese rossocrociato con un tasso di crescita del 9,9%. Per gli altri Paesi, la crisi è stata più distruttiva: nello stesso periodo, Taiwan, Giappone, Svezia, Portogallo e Sud Africa hanno visto il loro numero di aziende ridursi drasticamente. Il primato è andato a Lisbona, Stato in cui la crisi economica aggravata da quella del debito, tra il 2007 e il 2011, ha bruciato oltre 20.000 aziende, un decremento dello 0,8% all'anno in media.
 

Tags:
crisiimprese
Loading...
in vetrina
ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO E.. TUTTE LE ALTRE. FOTO DELLE VIP

ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO E.. TUTTE LE ALTRE. FOTO DELLE VIP

i più visti
in evidenza
Liti e urla in casa. La Elia si isola "Voglio solo sopravvivere..."

Grande Fratello Vip bufera-news

Liti e urla in casa. La Elia si isola
"Voglio solo sopravvivere..."


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen AMI 100% electric, il quadriciclo che si guida senza patente

Citroen AMI 100% electric, il quadriciclo che si guida senza patente


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.