A- A+
Economia
elezioni senato

twitter @paolofiore

 

Nuove elezioni e vecchi vizi. La campagna elettorale è già stata lanciata: molti volti già visti, soliti toni, qualche novità. Ce n'è una che si nasconde tra le pieghe del fisco: i partiti potranno beneficiare per la prima volta della rinnovata legge sulle detrazioni per le erogazioni liberali ai partiti. Il nome è complesso, ma la sostanza è semplice. Per incentivare le donazioni si possono avere degli "sconti" sull'Irpef.

La legge approvata lo scorso luglio modifica quella del 1986, aumentando gli sconti: se la detrazione era pari al 19%, dal 2013 si potrà detrarre il 24% e dal 2014 il 26% di quanto "erogato" ai partiti". Lo "sconto" si applica agli "importi compresi tra i 50 e 10 mila euro". In pratica, se si decide di donare 1000 euro, si risparmieranno 240 sulle imposte. Fino a un risparmio massimo di 2400 euro. Dall'anno prossimo la detrazione sarà quindi di 260 euro ogni 1000 donati. Si tratta quindi di un incentivo notevole alla "generosità" dei sostenitori. L'unica condizione per ricevere donazioni è la presentazione delle liste elettorali, fissata per le prossime politiche al 21 gennaio. Da questo momento in poi, dunque, ogni donazione ai partiti sarà detraibile. Con una sorpresa in più: per ogni euro ricevuto in "regalo", i partiti incassano anche un premio di 50 centesimi.

Facendo due conti in cassa, se un finanziatore dona mille euro, quest'anno ne spenderà in reltà 760, risparmiandone 240 sulle tasse. Un incentivo a donare, certo. Ma chi guadagana sono soprattuto i partiti  che, su mille euro donati ne incassano 1500. E, si badi, questa miracolosa moltiplicazione non ha nulla a che vedere con i milioni che arriverano dai rimborsi elettorali. Quello è un altro capitolo.  

Tags:
detrazionipartitiirpef

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.