A- A+
Economia


"Non c'è nessun cambiamento della nostra posizione. Il governo federale era e resta contrario a quest'ipotesi". Una fonte ai massimi livelli della Cancelleria di Angela Merkel, contattata da Affaritaliani.it direttamente a Berlino, gela i politici italiani. La Germania rimane contraria all'introduzione degli eurobond.

A riaprire il fronte dei titoli obbligazionari dell'Ue è stato il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni. "L'Unione Europea potrebbe introdurre i cosiddetti eurobond per realizzare progetti comuni, vigilati dalla Commissione e da altre istituzioni europee", ha detto il titolare del dicastero di Via XX Settembre. Secondo Saccomanni "nel breve periodo non è possibile emettere eurobond per sostituire i debiti nazionali, ma questi strumenti potrebbero essere usati per finanziare progetti europei sotto controllo dell'Ue e delle altre istituzioni europee".

Durissima la posizione di Silvio Berlusconi. Il leader del Popolo della Libertà chiede a Letta di "prendere la Merkel per le corna". E afferma: "Se il premer non ci libera dal giogo teutonico, niente ripresa".

Tags:
eurobond-germania

in evidenza
Formazione continua e lavoro Ecco come superare il mismatch

La visione di Fondo For.Te.

Formazione continua e lavoro
Ecco come superare il mismatch


motori
Opel: presenta la Astra Collection

Opel: presenta la Astra Collection

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.