A- A+
Economia

Si è concluo positivamente l'incontro fra sindacati e azienda per la fine di Fip e il passaggio dello stabilimento di Pomigliano d'Arco a Fiat Automobiles Group. Siglato un accordo, infatti, sia sul passaggio, sia sull'armonizzazione del trattamento dei lavoratori che sulla gestione della cassa integrazione da marzo 2013 a marzo 2014. Ora manca solo l'autorizzazione dell'ufficio regionale del lavoro.

"Aver costruito una ricomposizione societaria mette tutti i lavoratori in una condizione di maggiore tutela - sottolinea il segretario regionale Uilm, Giovanni Sgambati - i percorsi formativi saranno finalizzati sia alla realizzazione della rotazione sia, anche a fronte dell'implementazione del mercato della Panda, a una diminuzione delle persone in cassa integrazione straordinaria".

Nel testo dell'accordo c'e' anche un preciso passaggio a dare la precedenza ai lavoratori che sono in cassa integrazione da piu' tempo. L'organico di Pomigliano, al termine del processo, sara' di 4.520 unita', cioe' tutti quelli che vi lavoravano prima di Fip piu' un terzo degli ex Magneti-Marelli assorbiti. "Questi punti - conclude Sgambati - sono la risposta migliore per continuare a credere nel progetto Panda".

Tags:
fiatpomiglianoaccordo

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.