A- A+
Economia

 

giuseppe orsiGiuseppe Orsi

Dalle minacce all'azione sono passate solo poche ore: l'India ha sospeso i pagamenti a Finmeccanica per la commessa da 750 milioni di dollari relativa a 12 elicotteri e non accetterà la consegna di alcun velivolo fino a quando non sarà stata completata un'inchiesta della polizia indiana sulle accuse per tangenti.

Un altro colpo per il gruppo, dopo l'arresto del presidente Giuseppe Orsi. I mercati temono ora non solo per la governance ma anche per i conti del gruppo. Anche perché le vicissitudini giudiziarie rischiano di rallentare la vendita, ben avviata, di Ansaldo Energia. E lo stesso vale per Ansaldo Sts. Tracollo del titolo in borsa. Già pesanti da inizio seduta, le azioni hanno chiuso con un calo 4,08%.

Il cda straordinario di Finmeccanica, come previsto, ha optato per una soluzione transitoria: ha affidato le deleghe ad Alessandro Pansa. Una scelta che rimanda l'indicazione del nuovo Ad alla prossima assemblea degli azionisti (fissata al 2 e 15 aprile prossimi). Scelta definitiva, quindi, rinviata a dopo le elezioni. Il board ha anche nominato al consigliere anziano, Guido Venturoni, la carica di vice-presidente.

Tags:
finmeccanicaorsiindia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.