A- A+
Economia

I mercati vogliono la crescita e l'occupazione, condizione fondamentale per consentire alle finanze pubbliche di non soccombere all'indebitamento. E così, in un'Italia il cui il rapporto debito/Pil è ampiamente sopra il 120%, la stabilità politica è l'unica cosa che garantisce al prossimo governo la possibilità di mettere mano alle riforme (governabilità) per accrescere competitività, Pil e, di conseguenza, gettito fiscale. Vitale per rassicurare gli investitori internazionali.

Ciò che sta succedendo, però, nel panorama politico del nostro Paese a poco più di due settimane dal voto (con un possibile pareggio al senato)  non fa dormire sonni tranquilli ai mercati dove infatti lo spread è risalito fino a sfondare quota 300. Borse europee deboli dopo le parole di Mario Draghi.

Piazza Affari chiude in calo con il Ftse Mib che ha segnato un -1,22% a 16.400 punti, mentre l'All Share ha ceduto l'1,39%. Gli indici hanno virato al ribasso al termine di una seduta in gran parte positiva, trainati da Wall Street che procede negativa. Lo spread tocca i 300 punti, per poi ritracciare a 296 punti base. Sul paniere principale milanese, giu' i bancari tranne Mps. In calo Eni ed Enel. Tonica Saipem.

 

 


 

Tags:
borsamercati

i più visti

casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.