A- A+
Economia
Gedi, guai per gli Elkann: truffa all'Inps. Maxi sequestro da 30 mln di euro

Gedi, irregolarità nei prepensionamenti. Settanta dipendenti coinvolti

Nuovi guai per la famiglia Agnelli, questa volta legati all'editoria. La Procura di Roma ha condotto un'inchiesta che ha portato al sequestro di 30 milioni di euro dai conti della holding. L'accusa - si legge sulla Verità - è di truffa all'Inps, ai proprietari di Gedi vengono contestate irregolarità nei prepensionamenti di numerosi dirigenti. Non si tratta quindi solo del maxi prelievo monstre da 1,25 mld scattato per una maxi frode sui bonus fiscali nel settore dell'edilizia, avvenuto il 23 dicembre scorso. Ma ci sarebbe anche altro.

La Procura di Roma - a quanto risulta a La Verità - avrebbe ordinato un sequestro di oltre 30 mln nei confronti del gruppo Gedi. I dipendenti coinvolti nel presunto broglio, sarebbero addirittura una settantina. L'avvocato dell'azienda, l'ex ministro della Giustizia Paola Severino, si sarebbe affrettata a far aprire un conto ad hoc su cui Gedi avrebbe già versato i fondi oggetto del sequestro, evitando che venissero colpiti i patrimoni personali degli indagati.

LEGGI ANCHE

Lockdown in tutta Italia e per tutti. E' ufficiale. E da subito

Governo, Draghi avvisa i ministri: "Dal 5 gennaio stop lavoro per i No Vax"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    agnelligediinchiestainpsjohn elkann
    i più visti
    in evidenza
    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi

    Scatti d'Affari

    BEI, in Italia 122 operazioni per 13,5 miliardi


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

    Nuovo Dacia Jogger, la station wagon con un look da crossover

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.