A- A+
Economia
Telecom-Mediaset? Il governo: "Non ostacoliamo iniziative dei privati"


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


L'ipotesi di fusione tra Telecom e Mediaset, di cui Affaritaliani.it ha scritto per primo, arriva sul banco del governo. Antonello Giacomelli, sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, commenta con Affaritaliani.it il possibile merger tra la compagnia di telecomunicazioni e l'azienda di Silvio Berlusconi: "E' un'ipotesi che non conosco e di cui mi sta informando lei", afferma Giacomelli. Che poi aggiunge: "Quello che ci riguarda non è promuovere o ostacolare singole iniziative di privati, ma assicurare in ogni circostanza l'interesse generale del Paese ed è questo il riferimento a cui guardiamo".

LO SPECIALE DI AFFARITALIANI.IT

Telecom-Mediaset, gli analisti frenano. Ma la…

Telecom, qualcuno fermi Telefonica. Ecco perché…

Telecom e Mediaset pronti alla fusione? La…


 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giacomelli
i più visti
in evidenza
“Che pagliacci, politici al voto” Il Quirinale e l'ironia social

rete scatenata

“Che pagliacci, politici al voto”
Il Quirinale e l'ironia social


casa, immobiliare
motori
Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Nuova Range Rover, arriva la versione plug-in con un autonomia fino a 113 km

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.