A- A+
Economia
borsa francoforte

Con il 2013, anche le Ipo rivedono la luce. Dopo cinque trimestri neri, nell'ultimo periodo del 2012 gli sbarchi in borsa si sono riportati a livelli che non si vedevano da settembre 2011: sono state 70 le Ipo, per un valore di 7,5 miliardi di euro.

Il trimestre è stato dominato dagli esordi borsistici di Direct Line e Megafon a Londra e Talanx e Telefónica Deutschland in Germania, che hanno rappresentato il 57% dell'intera raccolta. Il 2012 resta un anno critico: le Ipo sono state appena 263. Poche in confronto alle 430 del 2011. Il cambio di passo dell'ultimo trimestre fa comunque ben sperare. E se Piazza Affari si conferma in difficoltà, Londra resta il mercato di riferimento, con le 73 Ipo del 2012 e un valore di 5,1 miliardi che da solo vale la metà di tutte le Ipo del continente. 

Secondo Matteo Colombo, partner del Capital Markets & Accounting Advisory Group presso PwC, "Anche se, le condizioni economiche e politiche rimanangono difficili in tutta Europa, le prospettive sono più ottimistiche".

Tags:
ipoborsaazioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.