A- A+
Economia
Immobili, New York torna a vivere: nel primo trimestre +58% di vendite

Dopo i mesi neri post-lockdown, si intravede luce di rinascita nella città di New York. La pandemia, che aveva portato l’inventario delle proprietà disponibili sul mercato a 9.277, il numero più alto da maggio 2011, con un aumento di quasi il 56% rispetto all’inizio del 2020, sembra aver cambiato rotta. La conferma arriva dai dati del primo trimestre 2021. Nei primi tre mesi dell’anno, infatti, sono stati firmati 3.700 nuovi contratti di vendita a Manhattan, il numero più alto dal 2007, in aumento del 58% rispetto allo stesso periodo del 2020. Ad incidere è stato in particolare l’effetto combinato di tre fattori: prezzi significativamente ridotti (-12% rispetto al primo trimestre del 2020), tassi d’interesse ancora contenuti e diffuso ottimismo derivante da un piano vaccinale concreto ed efficiente

Anche i dati relativi all’inventario di mercato hanno offerto scenari positivi, facendo registrare un calo del 20% rispetto all’ultimo trimestre del 2020. “I dati del primo trimestre del 2021 sono particolarmente significativi perché ci consentono di comparare le condizioni attuali di mercato con quelle dell’ultimo periodo del 2020 che non ha risentito del Covid, che ha invece colpito New York da fine marzo in poi”, spiega Andrea Pedicini, broker immobiliare di Corcoran, società leader nell’intermediazione immobiliare della Grande Mela. “A spingere il numero delle vendite c’è innanzitutto il calo dei prezzi registrato a partire dal 2020” - fa notare Pedicini. “La dinamicità del mercato immobiliare di Manhattan ha consentito infatti ai venditori di incrociare velocemente le aspettative in termini di prezzo dei compratori, facendo così registrare tra gennaio e marzo il più alto numero di contratti di vendita dal 2007 a oggi”.  

Restano molto positivi anche i dati legati al mercato degli affitti, con un aumento del 90% dei nuovi contratti di locazione registrato a marzo rispetto allo stesso mese del 2020: un incremento che s’inserisce nella scia di quanto già visto tanto a febbraio, con un +112% rispetto a febbraio 2020, quanto a gennaio con un +56% rispetto a gennaio 2020. 

“Si tratta del segnale più evidente che le persone stanno tornando in città, anche in questo caso attratte da canoni di locazione decisamente vantaggiosi, con prezzi in calo mediamente del 15-20% rispetto a prima della pandemia. Ciò mette a dura prova la tesi dei detrattori di New York, per i quali lo ‘svuotamento’ della città registrato nei mesi scorsi veniva dato per definitivo”, afferma Pedicini, che a New York rappresenta e gestisce i portafogli immobiliari di molti investitori italiani.  “I prezzi, ribassati in media del 10-15% rispetto al picco di mercato precedente, sono destinati a rimanere tali almeno fino all’estate. Questo, inserito in un contesto macroeconomico in netto miglioramento dal 2021 in poi, crea le condizioni migliori per l’investitore di medio-lungo termine”, conclude Pedicini.

 

 

 

Commenti
    Tags:
    mercato immobiliare new yorkmercato immobili new york trimestrenew york immobili mercato
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.