A- A+
Economia
Licenziamento collettivo: nessuna reintegra senza criteri di scelta
In caso di licenziamento collettivo il datore di lavoro deve indicare "puntualmente" i criteri di scelta adottati per licenziare i lavoratori così da consentire ai lavoratori interessati, alle organizzazioni sindacali e agli organi amministrativi di controllare la correttezza dell’operazione e la rispondenza agli accordi raggiunti. In caso di comunicazione incompleta non spetta la reintegra del lavoratore, ma solo un'indennità risarcitoria relativa al vizio di procedura. È quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 19320 del 29 settembre 2016. 

La Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi sulle conseguenze relative ad un vizio di comunicazione inerente ai criteri di selezione adottati per un licenziamento collettivo (era incompleta la tabella dei dati relativi ai singoli lavoratori interessati dal licenziamento).

In tal caso, la Corte d’appello di Catanzaro aveva ritenuto sussistente una violazione dei criteri di scelta e disposto la reintegrazione del lavoratore con condanna al risarcimento del danno (sanzione prevista dall’art. 5 della l. 223/1991, terzo inciso del comma 3).

La Suprema Corte, invece, con la sentenza n. 19320 del 29 settembre 2016, ha giustamente evidenziato che la comunicazione di cui all’art. 4, comma 9 della L. n 223 del 1991, che fa obbligo di indicare "puntualmente" le modalità con le quali sono stati applicati i criteri di scelta dei lavoratori da licenziare, è finalizzata soltanto a consentire ai lavoratori interessati, alle organizzazioni sindacali e agli organi amministrativi di controllare la correttezza dell’operazione e la rispondenza agli accordi raggiunti.

Pertanto, in caso di incompletezza di tale comunicazione al lavoratore va riconosciuta solo l'indennità risarcitoria relativa al vizio di procedura (da 12 a 24 mensilità: sanzione prevista dall’art 5 della l. 223/1991, secondo inciso del comma 3, che richiama l’art. 18 St. lav. co. 7), e non la reintegra per violazione dei criteri di scelta, la quale è prevista unicamente quando i criteri siano illegittimi perché attuati in difformità alle previsioni legali o collettive.

A cura di Avv. Paolo Pizzuti

Tags:
licenziamento collettivo reintegra. licenziamento collettivo reintegro quando
Loading...
in vetrina
Wanda Nara replica al padre: "Difende Maxi Lopez e mi attacca perché..."

Wanda Nara replica al padre: "Difende Maxi Lopez e mi attacca perché..."

i più visti
in evidenza
Serena Enardu out. Liti durissime Tre nuove sensuali concorrenti

Grande Fratello Vip 4 news

Serena Enardu out. Liti durissime
Tre nuove sensuali concorrenti


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Le Peugeot e-208 e suv e-2008, sono guidabile anche dai neopatentati

Le Peugeot e-208 e suv e-2008, sono guidabile anche dai neopatentati


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.