A- A+
Economia
madoff4Bernard Madoff

La mazza da baseball con inciso il suo nome, una lettera in cui si scusa con il figlio Andrea e perfino uno dei cinque mazzi di chiavi dal suo ufficio di New York. Sono alcuni degli oggetti personali di Bernard Madoff, il re delle truffe finanziarie, finiti in una personale permanente allestita al National Museum of Crime & Punishment di Washington.

Insomma, l'ex re della finanza di Wall Street, che sta scontando 150 anni di cercere, torna sotto i riflettori. Questa volta non per un nuovo schema Ponzi ma perché è tra i protagonisti di un mostra all'interno di un museo dedicato a gangster e serial killer.

L'esposizione comprende 15 oggetti appartenuti al 75enne Madoff o in qualche modo a lui collegati. "Il pubblico pensa solo alla violenza quando si parla di criminalità, ma molti criminali non sono violenti. Il museo deve guardare a tutti ", ha detto Janine Vaccarello, il direttore del museo, aggiungendo che gli oggetti sono stati donati dal figlio di Madoff, e dal liquidatore, Irving Picard.

 

 

Tags:
bernard maddoffmuseo gangsternational museum of crime & punishment
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.