I manager di Stato se la passano davvero bene. Almeno secondo alcune delle dichiarazioni dei redditi milionarie rese pubbliche, per legge, dai manager di Stato  e rilanciate da Il Fatto quotidiano. L'ad di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti dichiara un milione e 46mila euro, 772 mila euro per il numero uno dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera, 817 mila euro per il numero uno dell'Anas Pietro Ciucci. Questi numeri non sono solo il frutto dello stipendio pubblico, ma di tutte le fonti possibili di reddito.

Domenico Arcuri (amministratore delegato di Invitalia) nel 2011 ha portato a casa 1 milione e 214 mila euro superando il presidente dell'Enel Paolo Andrea Colombo, che si ferma a un milione 193 mila euro. Non poteva mancare Antonio Mastrapasqua, il presidente dell'Inps ha dichiarato un milione 174 mila e 308 euro, (il direttore generale dell'Inps Paolo Nori si ferma a 227 mila euro) nonostante abbia dovuto rinunciare a qualcuna delle sue cariche nel 2011.

Mastrapasqua non ha subito variazioni nel suo patrimonio che comprende tre immobili a Roma e quindi non dichiara nulla in merito. Andrea Monorchio, presidente della Consap, dichiara invece un milione e 292 mila e 413 euro e cede piccoli pacchetti di BPER, Intesa, Enel, Banca Popolare di Vicenza e Snam. In compenso si è comprato una casa a Roma. Nell'elenco, tra gli altri, figurano anche Giuseppe Bonomi (864 mila euro), Franco Bassanini (540 mila) e l'ex presidente di Ansa Ciucci (817 mila).

2014-01-28T15:59:36.817+01:002014-01-28T15:59:00+01:00truetrue1466116falsefalse3Economia/economia4131586610662014-01-28T15:59:38.22+01:0010662014-01-28T18:40:30.73+01:000/economia/manager-stato-pubblici28012014false2014-01-28T18:40:33.387+01:00315866it-IT102014-01-28T15:59:00"] }
A- A+
Economia
moretti befera 500
 

I manager di Stato se la passano davvero bene. Almeno secondo alcune delle dichiarazioni dei redditi milionarie rese pubbliche, per legge, dai manager di Stato  e rilanciate da Il Fatto quotidiano. L'ad di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti dichiara un milione e 46mila euro, 772 mila euro per il numero uno dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera, 817 mila euro per il numero uno dell'Anas Pietro Ciucci. Questi numeri non sono solo il frutto dello stipendio pubblico, ma di tutte le fonti possibili di reddito.

Domenico Arcuri (amministratore delegato di Invitalia) nel 2011 ha portato a casa 1 milione e 214 mila euro superando il presidente dell'Enel Paolo Andrea Colombo, che si ferma a un milione 193 mila euro. Non poteva mancare Antonio Mastrapasqua, il presidente dell'Inps ha dichiarato un milione 174 mila e 308 euro, (il direttore generale dell'Inps Paolo Nori si ferma a 227 mila euro) nonostante abbia dovuto rinunciare a qualcuna delle sue cariche nel 2011.

Mastrapasqua non ha subito variazioni nel suo patrimonio che comprende tre immobili a Roma e quindi non dichiara nulla in merito. Andrea Monorchio, presidente della Consap, dichiara invece un milione e 292 mila e 413 euro e cede piccoli pacchetti di BPER, Intesa, Enel, Banca Popolare di Vicenza e Snam. In compenso si è comprato una casa a Roma. Nell'elenco, tra gli altri, figurano anche Giuseppe Bonomi (864 mila euro), Franco Bassanini (540 mila) e l'ex presidente di Ansa Ciucci (817 mila).

Tags:
manager pubblici
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.