A- A+
Economia
marchionne triste 2

"Fiat e Chrysler saranno presto una cosa sola". Sergio Marchionne prosegue la marcia verso la definitiva integrazione del marchio italiano con quello statunitense. E pensa ad una Ipo, "possible in 9 mesi". L'unico ostacolo resta Veba, il fondo di proprietà del sindacato UAW che detiene ancora il 41,5% della casa di Detroit.

L'ad del Lingotto è comunque convinto che "Veba non resterà azionista a lungo e non dovrebbe rimanerlo anche se loro devono fare il loro lavoro e vogliono monetizzare". Sulla valutazione della quota Veba su cui Fiat intende esercitare l'opzione di acquisto "occorre trovare un benchmark - ha detto Marchionne - dobbiamo trovare una soluzione. Il processo è in evoluzione". Nel salone dell'auto di Detroit, Marchionne ha commentato un 2012 positivo, "chiuso secondo le attese". Certo, il giudizio non è limitato all'Europa, dove i conti di Fiat hanno sofferto, ma si valuta su scala globale, grazie ai successi americani. A confermare la prospettiva mondiale, Marchionne ha confermato la produzione di Jeep in Cina: "Rientra nella nostra strategia di espansione globale".

In Italia Fiat continua la lotta con i sindacati. Questa mattina non si è raggiunto alcun sulla messa in mobilita' di 19 operai dello stabilimento di Pomigliano d'Arco. L'ultima riunione del tavolo avviato per la procedura ex articolo 4 legge 223 si chiude con la sottoscrizione di un verbale di mancato accordo. Per i sindacati, non e' ammissibile nessuna fuoriuscita a seguito del reintegro dei 19 iscritti alla Fiom imposto dai giudici del lavoro, per l'azienda invece la procedura va avanti. 
 

Tags:
marchionnefiatchrysler

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.