A- A+
Economia
Mose, Meneguzzo tenta il suicidio in carcere

Un gesto estremo dettato dalla disperazione. Roberto Meneguzzo, il manager vicentino 58enne, amministratore delegato di Palladio Finanziaria, ha tentato il suicidio in carcere, dove si trovava dopo l'arresto avvenuto lo scorso 4 giungo nell’ambito dell’inchiesta sul Mose.

Un gesto che ha portato ieri il gip Alberto Scaramuzza, su parere positivo della Procura di Venezia, ad accogliere la richiesta di scarcerazione avanzata dal difensore di Meneguzzo posto ora ai domiciliari.

Il manager, secondo quanto riferisce il Corriere del Veneto, ha tentato di soffocarsi la notte tra il 18 e il 19 giugno nella sua cella di isolamento del carcere della Spezia.

Per l’ordinanza di arresto, Meneguzzo era "a conoscenza dell’illecita finalità perseguita" da Giovanni Mazzacurati, presidente del Consorzio Venezia Nuova, "lo metteva in contatto" con Marco Milanese. In qualità di "consigliere politico" dell’allora ministro Giulio Tremonti, Mazzacurati consegnò a Milanese 500 mila euro "personalmente", "al fine di influire sulla concessione dei finanziamenti del Mose e in particolare nel far inserire tra gli stanziamenti inclusi nella delibera Cipe n. 31/2010 e nei decreti collegati anche la somma relativa ai lavori gestiti dal Consorzio Venezia Nuova, inizialmente esclusa dal ministro, in violazione evidente dei principi di imparzialità e indipendenza".

I reati contestati a Meneguzzo, con Mazzacurati, Milanese, Spaziante e altri, sono quelli di corruzione e rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio.

 

Tags:
roberto meneguzzopalladio finanziariamosesuicidio
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.