A- A+
Economia
monti merkel

L'Italia paga troppo rispetto alla sua ricchezza. E' questo il messaggio portato a Berlino da Mario Monti nel coros dell'incontro con Angela Merkel. "Per noi è importante che il contributo italiano al bilancio Ue sia proporzionato ed equo rispetto a quello degli altri contribuenti netti", ha sottolineato il premier. Negli ultimi anni l'Italia "ha pagato più di quanto fosse giustificato dal suo livello di prosperità relativa. Questo non è giustificato, occorre una riforma del sistema di rimborsi e sconti, sistema che deve diventare piu' trasparente ed equo".

La linea con la quele Monti si è presentato a Berlino è la stessa che proporrà nel prossimo Consiglio europeo, in porgramma giovedì e venerdì prossimi. Il Professore si aspetta un "confronto franco" per ottenere un obiettivo: "Il bilancio europeo deve essere adattato alle ambizioni dell'Unione e sia orientato a sostenere la crescita, l'occupazione e la coesione sociale in Europa".  L'accordo è però tutt'altro che a portata di mano. Lo ha sottolineato la stessa Merkel: "Mario difende gli interessi italiani ma non è semplice trovare un'intesa tra 27 Stati".

Tags:
montimerkelue



motori
Nissan Futures, il futuro della mobilità sostenibile

Nissan Futures, il futuro della mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.