A- A+
Economia

Lo scandalo derivati partito da Siena si allarga. La Procura di Trani, oltre ad accendere un faro sul comportamento di Bankitalia, ha aperto un'inchiesta sui derivati emessi da cinque banche italiane: Mps, Bnl, Unicredit, Intesa San Paolo e Credem. Ormai i magistrati pugliesi sono sempre più impegnati su temi finanziari, dalle agenzie di rating a Mps fino a una più ampia valutazione di operazioni legate ai derivati. 

L'inchiesta su Mps si arricchisce intando di un altro capitolo. Non c'è solo il reato di manipolazione del mercato: i magistrati della procura di Roma, che hanno già ricevuto un'ampia documentazione da Bankitalia e Consob, stanno indagando anche per ostacolo agli organi di vigilanza. Saranno ora il procuratore aggiunto Nello Rossi e i pm Michele Nardi e Giorgio Orano a studiare le carte per valutare, anzitutto, il profilo della competenza. Con i colleghi della procura di Siena, si ribadisce a piazzale Clodio, c'è un continuo contatto all'insegna della collaborazione. A determinare l'apertura del procedimento romano sono state le denunce di alcuni cittadini e del Codacons.

NAPOLITANO: EVITARE IL CORTOCIRCUITO TRA INFORMAZIONE-GIUSTIZIA - "Abbiamo spesso degli effetti non positivi, quasi dei cortocircuiti tra informazione - che tende ad avere il massimo di elementi per poter assolvere a un ruolo di propulsione alla ricerca della verita' - e, nello stesso tempo, riservatezza necessaria delle indagini giudiziarie e rispetto del segreto d'indagine". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ricevendo al Quirinale una delegazione dell'Ordine dei Giornalisti in occasione dei 50 anni della legge istitutiva dell'ordine. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto al Quirinale una delegazione dell'Ordine dei Giornalisti in occasione dei 50 anni della legge istitutiva dell'ordine. "Ci siamo incontrati sistematicamente nel corso di questi anni - ha ricordato il Presidente Napolitano nel suo saluto - e abbiamo molto discusso di certi problemi che riguardano il modo di fare informazione, la correttezza e il ruolo dell'informazione, le regole deontologiche, e cosi' via. Non tornero' su questi temi, dico solo qualcosa su un aspetto di quella tematica che, per ragioni che comprendete, anche in questo momento sento molto: l'aspetto dei rapporti tra stampa e amministrazione della giustizia. Abbiamo spesso degli effetti non positivi, quasi dei cortocircuiti tra informazione - che tende ad avere il massimo di elementi per poter assolvere a un ruolo di propulsione alla ricerca della verita' - e, nello stesso tempo, riservatezza necessaria delle indagini giudiziarie e rispetto del segreto d'indagine".

A questo proposito, il Capo dello Stato ha fatto riferimento all'ultimo esempio del "richiamo piuttosto brusco di un importante ufficio giudiziario, la Procura della Repubblica di Siena, che segue la scottante e complessa indagine sul Monte dei Paschi, di fronte alla pubblicazione di notizie che ha dichiarato totalmente infondate e di cui ha anche fatto comprendere la grave possibile ricaduta destabilizzante sui mercati, al punto da annunciare o da ventilare provvedimenti per aggiotaggio e insider trading". Questo - per il Presidente - e' un punto delicato di una materia tutta delicata". Nell'incontro, il Capo dello Stato ha rilevato che "tutto e' cambiato" nel mondo della comunicazione, e "i giornalisti rischiano di pagare le conseguenze di un mancato adeguamento delle norme alla realta'". Ha quindi fatto riferimento all'intervento del Ministro Severino: "Ha detto con grande puntualita' e serieta' quali siano i problemi da affrontare: il problema dell'accesso e il problema di condizioni che siano garantite e obiettive, che non siano affidate, da un lato, all'arbitrio di chi ha l'esercizio del potere economico sui mezzi di informazione e, dall'altro, ad una condizione di debolezza dell'aspirante giornalista, che diventa una condizione di fatale sottomissione al ricatto e di senso di fatale precarieta' e mancanza di prospettive".

Tags:
mpstraniderivati

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti

Nuova Dacia Jogger, la familiare sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.