A- A+
Economia
Doccia fredda dall'Istat: il Pil torna negativo

Nel primo trimestre il Pil dell'Italia ha registrato una contrazione pari a -0,1% rispetto al trimestre precedente (+0,1%). Il modestissimo anelito di crescita economica dell'ultimo trimestre del 2013 non e' stato dunque confermato.

Anzi il dato del primo trimestre (-0,1%) e' ampiamente inferiore al consensus degli economisti che si aspettavano una crescita dello 0,2%. Male anche l'andamento tendenziale con una flessione pari a -0,5%.

Peraltro la performance economica dell'Italia resta ancora molto inferiore a quelle della altre grandi economie dell'Eurozona. Nel primo trimestre la Francia ha tenuto con crescita zero, ma su anno +0,5%, la Germania ha, come sempre, ballato da sola: +0,8% su base trimestrale e +2,3% su base annuale.

L'Italia ha gia' sperimentato, dalla fine del 2011, un ''double dip'', cioe' un secondo tuffo nella recessione, dopo la ripresa del 2010, successiva alla contrazione del 2008-09. Se, dopo la ripresa in miniatura del 4* trimestre del 2013, il Pil del prossimo trimestre dovesse ancora essere negativo, con due contrazioni negative consecutive della crescita economica, il Belpaese collezionerebbe il poco invidiabile record del ''triple dip'', cioe' di un terzo tuffo nella recessione.

Continua intanto la timida ripresa dell'economia europea: secondo la prima stima di Eurostat, il Pil e' salito anche nel primo trimestre di quest'anno, dello 0,2% in Eurozona e dello 0,3% in Ue a 28 paesi. Rispetto ai primi tre mesi dell'anno scorso, il Pil ha registrato rialzi rispettivi dello 0,9% e dell'1,4%.

Nel trimestre precedente, l'ultimo del 2013, il Pil era salito dello 0,2% nell'Eurozona e dello 0,4% nell'Ue a 28 paesi. Fra gennaio e marzo, il Pil e' rimasto invariato in Francia (+0,2% nel trimestre precedente, e' cresciuto dello 0,8% in Germania (+0,4%), dello 0,4% in Spagna (+0,2%), dello 0,8% anche nel Regno Unito (+0,7%) ma i paesi che hanno registrato il maggiore progresso sono Ungheria e Polonia, entrambi in crescita dell'1,1%. In calo piu' marcato l'Estonia (-1,2%), il Portogallo (-0,7% dopo tre rialzi consecutivi), Cipro (-0,7%) e la Finlandia (-0,4%), mentre non sono disponibili i dati di Grecia e Irlanda. Nello stesso periodo, negli Stati Uniti il Pil e' rimasto stabile dopo essere cresciuto dello 0,7% nell'ultimo trimestre 2013, ma rispetto al primo trimestre dell'anno scorso il progresso e' pari al 2,3%.

Tags:
pilcrisirispresaistat
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.