A- A+
Economia


 

Mediaset di nuovo sulle montagne russe in Borsa, dove il titolo ha aperto stamane in battuta finendo sospeso al rialzo, per poi toccare un picco a 2,164 euro per azione, in rialzo di oltre l'11% rispetto a ieri e del 24% circa rispetto alla chiusura di mercoledì sera, prima di ridiscendere appena sopra i 2 euro per lo scattare delle prime prese di beneficio, conservando peraltro un incremento del 7% rispetto alla chiusura di ieri e del 17% rispetto a soli due giorni fa.

Un movimento violento e apparentemente inspiegabile, visto che nessun annuncio o dato fondamentale è stato reso noto in questi ultimi giorni né dal gruppo italiano né da altri concorrenti internazionali che potesse modificare i "fondamentali" sul titolo e sul settore. In verità l'unica notizia è quella del miglioramento del giudizio di Credit Suisse, che ieri ha alzato da "underperform" (farà peggio del mercato) a "outperform" (farà meglio del mercato) il giudizio sul titolo, portando il target price a 12 mesi a 2,65 euro. Può bastare questo a spiegare lo strappo di un titolo che dai minimi dello scorso 16 novembre (1,166 euro) ha già recuperato oltre il 75% contro un indice di Borsa che nello stesso tempo è salito sì, ma meno del 20%?

No, secondo la maggioranza degli intermediari contattati da Affaritaliani, che semmai sottolineano come oltre al "rischio Italia", a cui Mediaset è tra i titoli più sensibili a Piazza Affari e che dunque ha favorito il rimbalzo (in questi mesi gli asset "a rischio" del Sud Europa, spagnoli e italiani in particolare, hanno recuperato ampiamente terreno, fossero essi buoni del tesoro, obbligazioni societarie o azioni), il titolo beneficia delle attese che in questi giorni sono andate consolidandosi di una ripresa economica mondiale più ampia e rapida di quanto previsto fino a qualche settimana fa, anche in Europa e in Italia.

Essendo un "early cyclical" ossia un gruppo impegnato in un business (la raccolta pubblicitaria) che tende a ripartire prima degli altri, Mediaset ha potuto accendere i motori, tornando a raccogliere giudizi positivi come quello del broker svizzero. Ma la vera ragione di quest'ultimo strappo sarebbe ancora un'altra. Secondo gli ultimi sondaggi, infatti, Silvio Berlusconi, fondatore del Pdl e azionista di controllo di Mediaset, starebbe recuperando rapidamente il divario che lo separa dal suo avversario principale, il Pd di Pierluigi Bersani, avendo ormai superato il suo successore a Palazzo Chigi, Mario Monti, e il "centrino" che lo sostiene in questa campagna elettorale.

Tags:
mediasetborsa

i più visti

casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.